Al tempo che cadevano le albicocche….

albero-di-albicocca

 

Al tempo che cadevano le albicocche
il mondo era tutto verde
e noi stavamo sotto una capanna
che era fatta di canne
e di strisce di cielo.
Al tempo che cadevano le albicocche
si sentivano dei tonfi
che mai mi son scappati dalla memoria
come se fosse il tempo
che bussa dentro il tempo.

Nino Pedretti

S. Arcangelo di Romagna 1923 – Rimini 1981


Verranno le dolci piogge….

 

 

tumblr_lqqb7whzbn1qge41fo1_500

 

Verranno le dolci piogge e si diffonderà il profumo della terra,

e le rondini voleranno in cerchio stridendo;

e canteranno le rane negli stagni a notte alta,

e i pruni selvatici biancheggeranno tremuli;

i pettirossi si vestiranno di penne di fuoco,

fischiando le loro ariette sugli steccati;

e nessuno saprà della guerra, nessuno

si curerà infine quando tutto sarà compiuto,

a nessuno importerà,

né albero, né uccello

farà caso all’umanità morente;

e la stessa primavera, quando si leva all’alba

appena s’accorgerà che ce ne siamo andati.

 

 

Sara Teasdale.  St.Louis,  8 8 1884 – St.Louis, 29 1 1933

da “Fiamma e ombre” 1929

 

Questa poesia ispirò un racconto breve fantascientifico di  Ray Bradbury, che porta lo stesso titolo. La storia è ambientata nel 2026:  una casa robotica svolge le normali attività quotidiane, dopo che i suoi abitanti sono tutti morti per una guerra nucleare.


La casa

 

tumblr_nrc8d7eMjP1srtrz6o1_500

 

La casa è così triste. Resta come fu lasciata,
adattata ai bisogni di chi per ultimo partì,
come volesse richiamarlo. Invece, senza
qualcuno a cui piacere, appassisce
e non ha cuore di scordarsi il furto,

di tornare come al suo principio,
tiro gioioso alla vita che vorremmo,
caduto fuori centro. Guarda com’era:
osserva le foto e le posate;
la musica nel panchetto del piano. Quel vaso.

 

Philip Larkin, Coventry 9 8 1922 – Londra 2 12 1985

da ” Poeti della malinconia”

a cura di Biancamaria Frabotta 


women of colour

collage-donne-.jpg

 

le nostre schiene

raccontano storie

che nessun libro

ha la spina dorsale per

portare

(women of colour)

 

Rupi Kaur,   Punjab (India) 5 ottobre 1992 

da “Milk and Honey”

traduzione di  Maria G. Di Rienzo


…..il tempo e’ fermo e noi lo attraversiamo come il fischio del treno nella notte. (Emilio Piccolo)

tumblr_nftdq2gmvh1tk6xm1o1_500

 

Ho visto le montagne
alte
e sconosciute
le ho viste nei sogni
e incontrate sempre quando sentivo
che la mia vita scorreva
docile a toccarle
come i seni di una donna
immobili
e invalicabili
ho pensato qualche volta
che al di la’ ci fossero
mondi arcani
che valesse la pena visitare
ci ho provato
a scalarle
per vedere se potessi anch’io gridare
thalatta, thalatta
poi sono ritornato qua
ora sento che i greci quando parlavano di tiche
volevano alludere all’ordine delle cose
che nessuno puo’ mutare
ripenso a Prufrock
ricordo che da bambino invidiavo gli dei
conservo da qualche parte
foto e documenti che testimoniano
che il tempo e’ fermo
e noi lo attraversiamo
come il fischio
del treno nella notte.

 

Emilio Piccolo  (Acerra, 13/05/51 – Acerra 23/07/2012)

 

23 luglio 2012, Emilio lasciò questa terra per un viaggio tra i misteri…

 


Poesia…

tumblr_m7u478z0bh1qish5yo1_500

 

Poesia, ti allontani senz’apparenza di dolore,
da molto tempo già.

Ma gli alberi e le strade sono sempre qui,
ma le case resistono, i mattini ri-compaiono

con la libertà senza strappo dei venti,
la soave pioggia, i baci casuali,

[…]

Così le voci che amavamo sono per sempre
gelate, prigioniere dell’ombra e dell’opacità,

tranne un bambino forse, che avrà smarrito il sonno
e sta guardando
la scintillante notte.

 

 

Lionel Ray. Mantes La Ville (Francia),  19 1 1935 

da “Matière de nuit”

traduzione di Viviane Ciampi

 


Polvere e vento

viaxe-131

 

e dimmi: quanto di questa polvere,
del vento che la scuote e la trascina via,
quanto io sono polvere,
quanto sono quel vento
che mi fa tremare, allontanarmi,
disperdermi dentro l’aria gelida
che ingoia il  paesaggio, le cose,
le case, la fretta inutile delle strade,
le storie dentro le stanze,
i gemiti i silenzi le parole
che vanno via, si scompongono
mentre la bocca le pronuncia;
quanto io sono il vento che cancella,
la polvere che s’alza
come se avesse vita propria
e poi rimane, s’adagia sulla terra,
arresa, stanca, invisibile quasi.
quanto sono polvere e vento.

 

Blumy Sotis


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: