….ho perso due fiumi e un continente…



In questa poesia, Elizabeth Bishop dice che “perdere” è un’arte che impariamo facilmente, quasi un obbligo  a un certo punto.  Qualcuno l’ha chiamata “la vile freddezza” a cui ci abituiamo con la maturità. E comunque sia, la sua consapevolezza fa orrore.

L’arte di perdere

L’arte di perdere non è difficile da imparare;
così tante cose sembrano pervase dall’intenzione
di essere perdute, che la loro perdita non è un disastro.

Perdi qualcosa ogni giorno. Accetta il turbamento
delle chiavi perdute, dell’ora sprecata.
L’arte di perdere non è difficile da imparare.

Poi pratica lo smarrimento sempre più, perdi in fretta:
luoghi, e nomi, e destinazioni verso cui volevi viaggiare.
Nessuna di queste cose causerà disastri.

Ho perduto l’orologio di mia madre.
E guarda! L’ultima, o la penultima, delle mie tre amate case.
L’arte di perdere non è difficile da imparare.

Ho perso due città, proprio graziose.
E, ancor di più, ho perso alcuni dei reami che possedevo, due fiumi, un continente.
Mi mancano, ma non è stato un disastro.

Ho perso persino te (la voce scherzosa, un gesto che ho amato). Questa è la prova. È evidente,
l’arte di perdere non è difficile da imparare,
benché possa sembrare un vero (scrivilo!) disastro.

 

Elizabeth Bishop

Worcester  8 febbraio 1911,  Boston 6 ottobre 1979

Dell’arte di perdere si è facili maestri;

ogni cosa pare così colma dell’intento
d’andar persa, che perderla non è un disastro.

Perdi qualcosa ogni giorno. Accetta l’estro
delle chiavi perse, dell’ora senza sentimento.
Dell’arte di perdere si è facili maestri.

Poi allenati a un perdere ulteriore, un perdere più lesto:
luoghi, nomi, e ogni dove che la mente
voleva visitare. Nulla di ciò sarà un disastro.

Ho perso l’orologio della mamma. Impiastro!
E di tre amate case non ho salvato niente.
Dell’arte di perdere si è facili maestri.

Ho perso due città stupende. E in quel contesto,
diversi regni miei, due fiumi, un continente.
Mi mancano, ma non è stato un disastro.

Perfino nel perderti (il riso nella voce, un gesto
che amo) non avrò mentito. E’ evidente,
dell’arte di perdere non si è difficili maestri
anche se può sembrare (e scrivilo!) un disastro

Traduzione di Damiano Abeni

L’arte di perdere non è una disciplina dura
tante cose sembrano volersi perdere
che la loro perdita non è una sciagura.

Perdi qualcosa ogni giorno. Accetta la tortura
delle chiavi di casa perse, delle ore spese male.
L’arte di perdere non è una disciplina dura.

Esercitati a perdere di più, senza paura:
luoghi, e nomi, e destinazioni di viaggio.
Nessuna di queste perdite sarà mai una sciagura.

Ho perso l’orologio di mia madre. Era
mia ed è svanita – ops! – l’ultima di tre case amate.
L’arte di perdere non è una disciplina dura.

Ho perso due vasti regni, due città amate,
due fiumi, un continente. Mi mancano,
ma non è mica un disastro averle perdute.

Nemmeno perdere te (la figura, la voce allegra
il gesto che amo) mi smentirà. È chiaro, ormai:
l’arte di perdere non è una disciplina dura,
benché possa sembrare (scrivilo!) una sciagura.

 

Traduzione di Marilena Renda


8 responses to “….ho perso due fiumi e un continente…

  • lupus.sine.fabula

    E’ molto originale questa poesia; certo, tutti dobbiamo adeguarci alla realtà dei fatti, che prima o poi qualcosa perdiamo. Però questa poesia è disfattista: mia nonna, con l’Alzheimer, perde tutte queste cose! Non nego la bellezza di perdersi per fingersi altri, altre vite, altri pensieri, per estraniarsi un poco da sè e scoprire e immaginare nuovi sè, nuovi mondi, nuove prospettive.
    Ma perdere per il gusto di perdere, quello no. Io amo i ricordi e (anche se so che drammaticamente un giorno li perderò) vorrei conservarli più a lungo possibile perchè ogni cosa che mi attornia è parte di me, della mia persona, del mio essere, e perdere loro è sempre perdere una parte di sè.

    "Mi piace"

  • iraida2

    E’ un’amara consapevolezza quella di dover perdere quello che siamo ed abbiamo, tuttavia è nell’ordine naturale delle cose. Ricordare ogni tanto che non siamo il centro e la ragione di questo mondo ci ridimensiona e questo è un bene per noi e per tutti.

    "Mi piace"

  • spaziocorrente

    Ci sono cose che so di perdere, anche in questo momento, ma probabilmente non sono importanti perchè non lasciano tracce in me. Altre cose le perdo con consapevolezza, perchè sono solo pesi e non mi consentono di “viaggiare leggero”. Ci sono poi le cose o le persone che non vorresti mai perdere, perchè sono guide, sono affetti: eppure so che le perderò. Allora cerco di sfruttare quel che posso “per non perdere” tempo a rimuginare su ciò che potevo fare.
    Quest’arte di perdere è difficile da imparare…
    Sempre interessanti i tuoi spunti di riflessione.
    Buona serata
    Ciao

    "Mi piace"

    • iraida2

      C’è una bella poesia di Jhon Berryman che parla di un bambino che perde la sua palla in mare. Il bambino si dispera,non serve che sua madre gli dica “ci sono altre palle, sai?” lui vuole proprio quella e nessuno potrà comprare quella che ha perso. A ciascuno di noi succede che un pezzo della nostra vita finisca nell’acqua e nessuno potrà restituircelo, l’importante è, come dici tu, aver apprezzato quello che abbiamo perso.
      Buona giornata

      "Mi piace"

  • Carl D'Agostino

    On divorce I loaded my 1972 Oldsmobile Cutlass with all my belongings it could hold and left everything else behind. Lost it all. Then I learned how little I really needed and that all else were just meaningless encumbrances. I learned the art of losing.

    PS I found your translate button and now I can read and comment.

    Piace a 1 persona

    • iraida2

      How many useless things are full today! You really had a lot of courage and you’ve been well rewarded by life. I hope you enjoy it for a long time and a lot more.
      I am glad to talk with you.
      See you soon!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: