Longtemps, je me suis couché de bonne heure….


Usciamo dal bar, un abbraccio e sto per andarmene, quando lei, trattenendomi per un braccio, mi dice “ e adesso non sparire, mi raccomando, non isolarti! So come vivi, sempre in solitudine, non deve essere divertente!”
Ma io non sono una che vive “in solitudine” !! io sono una solitaria, è diverso. Ed essere una solitaria non equivale necessariamente a sentirsi sola. Io ci sto bene in questo spazio interiore, lo frequento molto spesso, è un punto d’osservazione privilegiato: sto attenta, osservo, ascolto, penso. Nulla di quello che mi sta intorno mi sfugge.

Nell’aula dove le suore ci portavano per l’ora di canto, c’era tanto spazio per salti e rincorse, quelle degli altri, perchè io in quel marasma assordante mi sentivo persa e confusa. Tre enormi e altissimi finestroni davano su ampie e gelate geometrie di campi. In quegli inverni, in cui tutto mi pareva smisuratamente grande, alzandomi sulle punte, mi aggrappavo al davanzale e restavo a fissare un omino lontano su un albero. Riuscivo a vedere la sua lunga scala a pioli e i rami che lanciava lontano dopo averli tagliati. Ogni volta restava a fissarli come se quelli, da un momento all’altro, potessero scappar via. Ogni tanto si sedeva sul tronco più grosso, si sfregava le mani ed alitava sulle palme. Con uno scatto risaliva di qualche ramo e ricominciava. Il fatto che io lo guardassi mentre lui non sapeva neanche che esistevo, mi riempiva di ingenuo stupore.
“Sù, sù anche tu al tuo posto!” Dietro di me i bambini erano già tutti in fila, perciò suor Eleonora mi tirava per il braccio, per portarmi tra di loro. Con la testa girata, continuavo a guardare in direzione del finestrone e pensavo a quanto si sarebbe sentito solo l’omino dell’albero  senza me che lo guardavo.
Forse allora avrò imparato che essere soli, vuol dire semplicemente non essere nei pensieri di un altro.
Iraida (Annamaria Sessa)

Annunci

14 responses to “Longtemps, je me suis couché de bonne heure….

  • germogliare

    Iraida, è bellissimo! il mio Marco è un giardiniere, sorrido! e ora sorridi tu

    Mi piace

  • spaziocorrente

    E’ bellissimo quello che hai scritto e capisco cosa vuoi dire.

    Mi piace

    • iraida2

      Davvero è un luogo comune pensare che chi, per indole o per storia personale, vive un tantino “appartata”, sia una persona triste. Per me è una condizione normalissima, che cerco molto spesso. A volte trovo più interessante ascoltare che parlare, riflettere per capire meglio. D’altra parte, anche ciò che mi piace fare mi porta spesso ad isolarmi: leggere, dipingere, recuperare cianfrusaglie veccchie…
      e sempre volentieri, poi, chiacchiero e passeggio con qualche amica, partecipo ad eventi …. ma con moderazione.
      Un caro saluto Spazio.

      Mi piace

  • robertomeister

    Leggo e trattengo i pensieri. Che non fuggano via a fare il loro lavoro. Certo scritti è preferibile guardarli come si guarda la scena di un quadro… in silenzio.
    E grazie per l’incipit di una delle opere che più di tutte amo.

    Roberto

    Mi piace

    • iraida2

      Se, ognuno di noi, dovesse, per gioco, identificarsi in una frase celebre di un libro, non avrei dubbi, l’incipit de “La Recherche..” mi calza a pennello!
      Per molto tempo, sono andata a letto presto….
      …e non me ne sono mai pentita!
      Tante ore serene a te!

      Mi piace

  • lillopercaso

    La frase finale dice tutto in poche parole. Bella! Come tutto il post.

    Mi piace

  • robert quiet photographer

    “Io ci sto bene in questo spazio interiore, lo frequento molto spesso, è un punto d’osservazione privilegiato: sto attenta, osservo, ascolto, penso.”
    E’ vero, a volte dobbiamo cercarlo questo spazio in cui stiamo bene…non tutti lo capiscono, pazienza!
    robert

    Mi piace

  • cKlimt

    Argomento inesauribile. Essere solitari non vuol dire soffrire di solitudine, ma al contrario significa aver bisogno di grandi spazi
    per nutrire la propria interiorità. Per conoscere le cose che ci fanno stare bene,per sviluppare la dimensione immaginativa, per conoscere noi stessi.
    Nel rumore, nella folla, nella dispersione di mille relazioni, ciò non è per nulla semplice.

    Pure io ho avuto una infanzia fatta di ascolto, di contemplazione dei grandi spazi aperti della campagna e oggi non ne sono per nulla pentito o dispiaciuto. Se non avessi attraversato quelle ore vuote, quella dedizione alle piccole cose che si presentavano ai miei occhi, oggi sarei una persona cento volte più distratta e superficiale. Attraversare la solitudine, invece ti insegna una disciplina e uno sguardo diverso. Allevi dentro di te una attitudine all’attenzione e una capacità di cogliere i dettagli e gli esili, quasi invisibili collegamenti che rendono ricco il mondo che ci circonda.
    Bello il tuo raccontare. Pare di vedere le immagini. L’omino sulla scala, secondo me, non se ne è mai andato. E’ là, ancora oggi e stimola la profondità del tuo sguardo.

    Mi piace

  • iraida2

    Concordo: “Allevi dentro di te una attitudine all’attenzione e una capacità di cogliere i dettagli e gli esili”.
    Chissà perchè certe cose rimangono nella mente come un imprinting. Ogni volta che guardo un campo, immerso nella desolazione invernale, penso a quell’omino sull’albero e, sempre, mi stupisco che non ci sia.
    Un saluto caro.

    Mi piace

  • labambinacolpalloncino

    “essere soli, vuol dire semplicemente non essere nei pensieri di un altro” è bellissima… sono molto in sintonia con questo post, anche io molto spesso osservo il mondo da un angolo ma solo perché la vista è migliore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: