Avesse almeno un corpo la nostalgia, potrei buttarla giù dalla finestra!

E oggi che ho avuto più coraggio delle altre volte, non le ho richiuse le ante, le ho tenute spalancate con le mani. In fila tutti i tuoi vestiti, non ci sono più le cravatte, le ho tagliate a pezzi un giorno che ho deciso di farne un plaid patchwork, o forse una notte, che sbattevano più del solito i rami della tuja contro le finestre e mi sembrò di sentire la tua voce provenire dalla direzione dei sogni.
O semplicemente un giorno come altri giorni, spudorato, impietoso, che si era svegliato presto a ricordarmi che non ci sei più.   Annamaria S.

Annunci

7 responses to “Avesse almeno un corpo la nostalgia, potrei buttarla giù dalla finestra!

  • Transit

    ‘A malincunia dint’a voce
    ‘e mammema e Billy Holiday

    Hai pigliato ago e cotone
    Cu ’a voce toja ‘e malincunia antica

    e cu ‘na santa pacienza he cusuto
    mutande, magliette e cazettielli

    arrevutate già dieci vote.
    Hai arrepezzato cu stà voce

    abbrucata e doce ‘o cielo
    dint’a ‘nu pugno:

    ce steveno ciente stelle
    grosse e piccerelle e,

    cu ‘a faccia seria he ditto:
    So’ p’e tte, fanne ‘nu muorze.

    giacca e cazone
    me l”he pure stirate

    ma chello ca m”ha fatto
    rimanè a vocca aperta

    e, nun capisco
    è pecchè m’he arrepezzato

    ‘stu dulore ‘mpietto
    ca tu chiamme,

    pure dint’o suonno,
    cantavi cu ‘nu filo ‘e voce

    ‘a malincunia ca ll’ammore
    annasconne.

    Mi piace

  • iraida2

    … … … …………………..

    Mi piace

  • Transit

    Mi ricordo. M’arricordo.

    ‘Na canzone, ddoje, tre, quatte canzone; ‘nu disco ncopp’a n’ato: dint’o vico passava ll’ommo ca vuttava ‘o pianino, e chesta era ‘a musica d’e canzone ‘e chi nun teneva né ‘a radio né ‘o giradischi.

    Mi ricordo ca fora ‘o purtone ‘e ll’asilo, stava fermo ll’ommo d’o pianino; metteva ‘nu disco ‘ncopp’a n’ato e accussì saglieva ‘a musica ca chi sa pecché traseva dint’e vene e te sciugleva fino a farti piangere comm’a ‘nu criaturo, ‘nu guaglione cuciuto d’o primm’ammore e ‘n’ommo ‘e cint’anne ca si commuove pecché chin’e salute curreva addereto ‘a femmena d’a vita soja.
    M’arricordo c‘a chilli tipo ‘e musica me jeva ‘ncapa. E chisto è ‘o mutivo ‘e pecché quanno te faje gruosse t’arricuorde ‘stì ccose comme si dint’a tte ‘e penzieri fosseno addiventano indimenticabili strade di pietre laviche, archi e colonnati di marmo bianchissimo come il cotone e la neve che silenziosa cade sopra le montagne e come musica sconosciuta sale dentro di te fino alle lacrime.
    Mi ricordo. M’arricordo. Ero ‘nu criaturo ancora cu ‘a vocca ‘e latte. Mò m’arricordo ‘a musica, ‘e canzone. ‘A vita d’o vico e d’a gente. Ce steva ‘o sole solamente ‘a miezzo juorno ma pure ‘o scuro, ‘nu cuofeno ‘e scuro ca ‘o sole nun avvinceva. E nun avvinceva ‘o scuro ‘e dint’e vasce.

    Mi ricordo. M’arricordo. Tengo ottanni. Enzina sette e miezzo. Stammo pazzianno a nasconnere. Filumena, faccia a muro, inizia a cuntà. Il resto s’annasconne a ccà e a llà. Enzina me zennea e, fujmmo dint’o palazzo a 19. Dint’o vascio, sotto ‘o lietto, di sua zia Fortuna ‘a Ciaccessa(la chiacchierona). Me ienche di baci vavusielli ca sanno di fragolelle. Ciuciunea ‘ntrechessa. E, mette le mani miezzo le cosce. Miracolo!: ‘o pesce s’ ‘ntosta comme ‘na mazza. E, ce mettimmo a ridere.
    M’arricordo il primo giorno di scuola elementare. Dopo dieci minuti già stongo fujenno giù per le scale, miezz’a via. Aggia fa ambresso. Dint’e sacche arrepezzate si stà sciuglienno ‘o ghiaccio.
    Mi ricordo criaturo. Giocavo con i pensieri, e i giocattoli, rari: scappavano da tutte le parti.
    Ricordo l’asilo e a pranzo il piatto caldo e fumante. Ricordo lei, il suo nome no. Mamma sua la prendeva per mano e io con gli occhi l’accompagnavo fin dove svoltava il vicolo. Poi, di nascosto dalla mamma di lei e di mia sorella Tellina d’o mar’, che non so perché si faceva il pizzo a riso, con le labbra arricciate, le mandavo un bacio nell’aria. Poi, non la vidi più. Era di maggio, il mese in cui le famiglie cambiavano casa, e anche la sua famiglia cambiò quartiere. Ricordo…che piansi. Avevo chiagnuto p’o latte, ‘o ppane, ‘e scarpe e ‘o cazone di colore cocozza, ma era ‘a primma vota ca chiagnevo pe’ ‘na femmena.
    Ho fatto cadere il piatto con i piselli e accussì essa è venuta cchiù vicino a me faccia a faccia e mi ha offerto ‘o piatto suje e, mi ha azzeccato le sue labbra sulle mie. Poi, si è messa a ridere. Ca ridi a ffà, l’aggio ditto. Il mucco appiso, il sugo e le lacrime sono salate, ha detto ridendo ancora, pulendomi la vocca.

    Mi piace

  • Pannonica

    Il languore della voce di Lady Day rende perfettamente, anche se la lettura del post suonava già così.

    Mi piace

  • iraida2

    Vero!
    Che crudeltà la nostalgia!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: