Non ho camminato nei tuoi sogni

tumblr_muss07QXVk1scgvkpo1_500
Non ho camminato nei tuoi sogni,
né mi sono mostrato in mezzo alla folla,
non sono apparso nel cortile
dove pioveva, o meglio cominciava a piovere
(questo verso lo cancello e non lo sostituirò),
era allettante credere,
come uno stupido,
che ti avrei incontrato presto,
eri tu che mi apparivi in sogno
(e mi prendeva una dolce tenerezza),
mi sistemavi i capelli sulle tempie.
Quell’autunno perfino le poesie
in parte mi riuscivano bene.
(Però mancava sempre un verso
o una rima per essere felice).

Boris Ryzhy, Chelyabynsk 1974 – Ekaterinburg 2001

Una vita breve e attraversata tutta di corsa. Cresciuto nei quartieri minerari degli Urali, gli piaceva la boxe ma si laureò con successo in ingegneria mineraria. Ricercatore e geofisico apprezzato, si sposa a diciotto anni, diventa padre a venti. Non ha neanche trent’anni, quando la sua poesia comincia ad essere riconosciuta e celebrata. Si impicca il 7 maggio 2007. Pare facesse uso di farmaci e sostanze per attutire i suoi stati depressivi ricorrenti. Aveva solo 26 anni ma dopo la morte, la sua fama cresce anche fuori della Russia. Dicono che la sua poesia sia a tratti impudente e volgare, ma anche formalmente impeccabile. Io, per quel poco che ho letto, la trovo trepidante e struggente, ricca di slanci tristi e appassionati, molto vicina a quella di Sergej Esenin.


7 responses to “Non ho camminato nei tuoi sogni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: