Vivemmo sul filo delle ore parola per parola………

images
EPISTOLA SENZA FORMA

Non ci chiedere più forma della vita
di quella che arrivò nelle ore
del tempo in cui crescemmo.

Non c’era più forma nella parola che nella vita
e il resto fu stupore nelle nostre ossa.
o rancore delle pietre
come chi mette su casa
in un territorio straniero.

Tu che poi leggerai, in un altro secolo:
misura i tuoi dèi con i nostri,
sillaba il ruvido silenzio.

Non ci chiedere più forma della vita,
così come in ombre la accettiamo,
come non volemmo evitarla.
Delfi era illeggibile alla telescrivente.

Sconta le perdite, sconta i doni,
non fummo mai infedeli ai morti,
amammo la pietà, l’impossibile armonia.

Vivemmo sul filo delle ore
parola per parola,
tu che leggerai, forse, da un altro mondo:
misura i tuoi dèi con i nostri,
decifra il sogno nella cenere.

Eugenio Montejo
Caracas, 1938 – Valencia, 5 giugno 2008
da Terredad 1978

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: