…cuore di urgenze e ritardi

 

 

ef119040b5_7554808_med

 

 

Se ti scontri frontalmente con il mio cuore

non fuggire e non provare a cancellare le tue impronte digitali

non mollarlo da quelle parti alla mercede di qualche passante sprovveduto

e non nasconderlo, come un figlio rozzo, a chi vuole vederlo.

 

Se ti accorgi che lo mordono ai bordi come una vecchia brutta copia delle elementari

sottomettilo a una strada di piogge e offerte.

Qualcuno si smarrirà con tanto impegnativo incarico pieno di canzoni incendiate

e vecchie stoviglie in disuso

Qualcuno lo agiterà con il desiderio di ascoltare delle voci

come chi bussa per ore alla porta di una casa vuota.

 

O se riesci a vedere tra le mie rovine lascialo per strada

che questo cuore di urgenze e ritardi

sempre si è trovato meglio alle intemperie.

 

 

Federico Díaz-Granados,  Bogotá (Colombia) 1974

da La fretta dell’istante 2015

Traduzione di Alessio Brandolini

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: