La strage dei fiori

tumblr_mq5hygmko71r2qldco1_500

 

 

…..Forse la vita

è una lunga via attraversata ogni giorno da una donna

con una cesta in mano

forse la vita

è una corda con cui un uomo si appende dal ramo di un albero

forse la vita è un bambino che torna da scuola e…

forse la vita è una sigaretta accesa,

nella languida pausa fra due amplessi

o un passante che passa stupito

e solleva il cappello

e – Buongiorno! – dice, con un sorriso senza senso a un altro passante.

La vita forse è quel momento serrato

in cui il mio sguardo si annulla nelle pupille dei tuoi occhi,

presentendo che mi mescolerò

alla comprensione della luna, alla conquista del buio.

 

In una stanza grande quanto una solitudine

il mio cuore

grande quanto un amore

attende i pretesti semplici della sua felicità

e il delicato appassire dei fiori nel vaso

e l’alberello che hai piantato nel giardino di casa nostra

e la voce del canarino

che canta nello spazio di una finestra….

Seminerò le mie mani in giardino

diverrò verde, lo so, lo so,lo so,

e le rondini deporranno le uova

nelle pieghe delle mie dita sporche d’inchiostro…

 

 

Forugh Farrokhzad. Teheran, 5 1 1935 – Tafresh, 13 2 1967

Da “La strage dei fiori”

Traduzione di Domenico Ingenito

 

Una vita breve ma intensamente vissuta, quella di Forugh Farrokhzad. Il coraggio delle sue scelte nell’ambito letterario, religioso ma soprattutto umano, le costarono molto: il più doloroso fu l’allontanamento dal figlio che non potè vedere crescere, a causa di un  marito troppo tradizionalista,  che pretendeva la totale dedizione alla famiglia, negandole la libertà di esprimere la situazione femminile nella società iraniana degli anni sessanta/ settanta e la sua idea personale di letteratura. I continui attacchi di una società maschilista e con un forte senso del peccato, misero a dura prova il suo  equilibrio mentale e  più volte tentò il suicidio. Molto spesso le sue opere poetiche, cinque raccolte,  sono state avvicinate alla poesia di Alfonsina Storni. Molteplici furono i suoi interessi:  cinema, teatro e,  sempre,  le sue opere documentarono la difficile realtà della società iraniana dei suoi tempi ma anche temi esistenziali quali l’amore, la solitudine, la morte. Perse la vita a soli trentadue anni in un incidente stradale.

Annunci

2 responses to “La strage dei fiori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: