Longtemps, je me suis couché de bonne heure….

tumblr_lyg3ttYGpv1qahuhjo1_500

 

 

Ti domandi se mi sento sola:

ok allora, sì, mi sento sola

come un aereo vola solo e orizzontale

sulla sua onda radio, puntando

oltre le Montagne Rocciose

verso le piste recinte di blu

di un aeroporto sull’oceano.

Mi vuoi chiedere, mi sento sola?

Bene, certo, sola

come una donna che attraversa il paese guidando

giorno dopo giorno, lasciandosi dietro

miglio dopo miglio

piccole citta’ dove avrebbe potuto fermarsi

a vivere e morire, da sola.

Se mi sento sola

dev’essere la solitudine

di svegliarsi per prima, di respirare

il primo respiro freddo dell’alba sulla citta’

di essere l’unica che e’ sveglia

in una casa avvolta nel sonno.

Se mi sento sola

e’ come la barca chiusa nel ghiaccio della riva

nell’ultima luce rossa dell’anno

che sa che cos’e’, che sa che non e’

ghiaccio ne’ fango ne’ luce d’inverno

ma legno, con quel dono di poter bruciare.

 

Adrienne Rich
Baltimora, 16 maggio 1929 – Santa Cruz, 27 marzo 2012
da“Esplorando il relitto”
traduzione di Liana Borghi

 

E’ tutta la vita che rifletto su  cosa sia la solitudine.  Un bene, un male? Per indole o per la mia storia personale (sono stata figlia unica)  ho molta confidenza con questa condizione e durante gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza,  l’ho maledetta come si maledicono le cose che ti fanno soffrire. La solitudine la assimili allo star male, alla tristezza,  la eviti e, quasi sempre,   incolpi gli altri  o le situazioni di avertela inflitta. Negli anni ho continuato a lamentarmi della mia vita troppo “appartata”, del mio carattere poco incline alla socialità.  Ho sempre invidiato le persone “brillanti”  che riuscivano a creare interesse intorno a loro,  quelle che si sentivano sempre a loro agio in qualsiasi situazione,  mentre io, in molte occasioni,  mi sono sempre chiesta e mi chiedo ancora   “cosa ci faccio qui?”  Cerco di vedere e frequentare gente ma poi mi prende una specie di insofferenza che mi fa scappare.  La verità è che  non amo i luoghi, diciamo così, troppo “affollati”, specialmente se si conversa. Col tempo, in realtà,  ho scoperto  di avere una “vocazione” alla solitudine . In un certo senso, la solitudine è una forma di libertà, averne preso coscienza mi fa stare molto meglio. E’ così. Preferisco appartarmi, preferisco il silenzio.   Pasolini diceva “… bisogna essere molto forti per amare la solitudine,  bisogna avere buone gambe e una resistenza fuori del comune…”  Io non so se sono forte o se lo sono stata,  non so se la solitudine l’ho più amata o  più odiata, non so neanche se sia, ormai, diventata una consuetudine o uno stile di vita, ma mi sento anch’io ” come la barca chiusa nel ghiaccio della riva….che sa che cos’e’,  legno, con quel dono di poter bruciare.”   (Annamaria)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: