Contrattempo

tumblr_ma97qrxSvO1r3wk1zo1_1280

 

 

La città, di notte,

piantagione abbandonata.

Abbronzato di mitologia

fa ritorno dalla biblioteca

 

e adesso sa che si può

cadere nel cielo come in un pozzo.

 

Una poesia non ha niente a che vedere

– si dice proprio niente a che vedere con

 

lo spirito, una poesia è un plusvalore,

aspirazione del tutto imprescrittiva.

 

Nel cielo terso come un pdf

il viaggio del poeta e della storia

si sono incrociati nella zona

necrotizzata della lingua,

ciascuno rivelato dall’altro.

 

Edgardo Dobry 

Rosario, Argentina 27 4 1962

da “Contrattempo”

traduzione di Francesco Tarquini

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: