…..come Orfeo, ansioso di voltarmi

 

 

 

OhxIgFLU0diikawoetXDoZAV_500

 

 

 

Cammino nel freddo della notte d’autunno pieno

                                                                                    come Orfeo

pensando al mio canto, ansioso di voltarmi,

la mia vita svanita un ornamento, una nuvola alla deriva,

dietro di me,

leggera trascendenza di cenere

sepolta e risorta una volta, e poi ancora e ancora.

Il marciapiede si srotola come sonno profondo.

Sopra di me le stelle, le stelle austere,

scoprono il volto.

                    Nessun cuore batte alle mie spalle, nessun passo.

 

Charles Wright, Pickwick Dam,Tennessee 1935.

da “Orsa nordamericana” 2000, in “Breve storia dell’ombra”

a cura di Antonella Francini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: