Visita della pioggia

robert-doisneau53339

Giunge all’improvviso la pioggia, installa le sue truppe,

minuziosi guerrieri di seta e sonno. 

Salta gioiosa sui tetti, scende per le gronde con chiasso precipitoso;
inizia la grande festa delle acque in viaggio che stabiliscono il loro dominio transitorio
 e per mano ci portano a regioni che il tempo aveva 
seppellito, a quanto sembra, per sempre:
lì ci attendono
la febbre dell’infanzia,
………………………………………………..
i nostri genitori, giovani molto più giovani di noi adesso,
che la pioggia riscatta dalla loro cenere bruna senza
età, dal loro silenzioso lavoro minerale
e irrompono vestiti di risa e gesti giovanili.
Che benedizione la pioggia, che meraviglia intatta il
suo passo improvviso e benefico
che ci preserva dall’oblio e dalla mansueta abitudine
senza memoria…………..
 Con quale gioia trasparente ci insediamo nel suo 
impero di baldacchini vegetali
e con quanta rassegnazione costruita la ascoltiamo
tacere lentamente, allontanarsi e ritornare per un istante,
finché non ci abbandoni in mezzo a un silenzio
limpido, di un ambito appena inaugurato……..
……………………………………………………………..
Álvaro Mutis
Bogotà, 25 agosto 1923 – Città del Messico, 22 settembre 2013
da Poesie disperse in  ” Summa di Maqroll il gabbiere”
a cura di Fabio Rodriguez Amaya
Annunci

2 responses to “Visita della pioggia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: