La pioggia mi chiede di tacere

tumblr_nf7opcpxn91s0xjvpo1_400.gif

 

 

Io non so cosa faccio qui

so che faccio qualcosa

piccole cose senza importanza

a volte mi annoio ma non è grave

resto solo un pochino più triste

dopo alzo la testa

le spalle cedono

trasporto una lupa ma non so fino a quando

una lupa che va perdendo il pelo

nella casa della poesia, nel sotterraneo accumulato

da un saggio che non sa nulla

né curare se stesso né curare

gli uomini –

apparentemente tutto è andato morendo

in questo regno di piccoli matrimoni

di convenienza: rimasero

l’insania senza voce e figure di muschio

che non sanno la distanza tra l’essere

e le nuvole

le nuvole che avvolgono

i percorsi del corpo

le orme di un virus che non cessa di

cantare la polvere, così facile

da soffiare. Piove. La pioggia

mi chiede di tacere.

 

 

Casimiro de Brito. Loulé,  Portogallo 14 1  1938.

da “Libro delle cadute”

traduzione di Romana Petri

Annunci

3 responses to “La pioggia mi chiede di tacere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: