Ho provato a spiegare ai miei alunni cos’è la cosa chiamata poesia.

tumblr_ml24leDv2c1rs1gaeo1_500 (2)

 

Ho provato a spiegare ai miei alunni
cos’è la cosa chiamata poesia.

Quando nessuno tossisce mentre parli
vuol dire che probabilmente ti sta ascoltando.
Anche se ciò che dici non interessa o non lo capisce.
Ho provato per loro un senso di gratitudine,
perché il tempo è passato più in fretta.

Ho cercato di fare capire loro
che la poesia deve essere così com’è
come l’albero che è secco e poi fa frutti
che scriverla o leggerla sono la stessa cosa
insomma uno si prova in un modo o nell’altro
a tracciare una retta di luce
tra due intercambiabili mucchi di escrementi

La poesia è respirare
si prende l’aria da fuori e fuori la si butta
ossido di carbonio più anidride carbonica
Ho detto loro che pochi sanno che cos’è una poesia
pochi sanno cos’è un poeta e tutti sono convinti
che il posto migliore per un libro è la biblioteca
e tutti dei poeti farebbero a meno
Ho cercato di convincerli che i poeti esistono
proprio perché troppi ne farebbero a meno
che “sprint finale”* non  farà mai capire loro
perché leopardi s’è messo a parlare alla luna
come un pecoraro delle nostre parti
e perché la gloria di colui che tutto move
ha poco da spartire con la stupidità
di chi ne parla senza muovere nulla

Ho cercato anche di spiegare
che se dante passasse da queste parti
ci sarebbe di sicuro un prete un politico
uno come voi o noi
che direbbe di lui che è uno poco raccomandabile
cui un padre non affiderebbe il figlio
perché impari ciò che va imparato
per divenir famoso

Ho provato a spiegare ai miei alunni
cos’è la cosa chiamata poesia

Poi uno mi ha chiesto come avessi i capelli a vent’anni
Ho risposto. Lunghi. E poi mi ha chiesto se rifarei
le cose che ho fatto. E se sono felice. E se …..

Ma è suonata la campanella e non ho avuto il tempo di dirgli
che non so rispondergli.

 

Emilio Piccolo, Acerra 13 5 1951 – 23 7 2012
da “Beatrice. My heart is full of troubles”

 

*Una specie di Bignami per gli esami finali di maturità

Annunci

4 responses to “Ho provato a spiegare ai miei alunni cos’è la cosa chiamata poesia.

  • Claudio Capriolo

    E che dire di quell’impudente di Robert Doisneau? Talmente sfacciato che invece di fotografie scattava poesie…
    🙂

    Liked by 1 persona

  • Lucia Senatore

    Temo che “spiegare” la poesia nelle scuole sia impossibile. Sarebbe meglio fargliele prima scrivere e poi spiegargliele.

    Mi piace

  • Transit

    La poesia è, senza bisogno di andare a leggerla: la trovi in te, quando ti metti in ascolto e guardi le cose del mondo che ti circondano. Più il mondo e la quotidianità sono distanti da noi, più la poesia incalza in noi:è una necessità, un bisogno. Il linguaggio della poesia ci spoglia e ci riveste a nuovo ed è necessario quanto l’acqua e l’aria… Cos’è la poesia? Chi sente e scrive poesia? Prova a non respirare. Prova a non bere. Prova a non poter più guardare e sentire il mare. Prova a non amare. La poesia è tutto questo e noi, presi a uno a uno, ne siamo dentro fino alla cima dei capelli e oltre. La poesia è il tuo compagno che arranca in salita e Nina, quella del primo banco che guardi con occhi sgranati sempre nascosti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: