Può darsi che il paradiso non sia null’altro…..

 

 

tumblr_n6zh3uIMfV1qargfho1_500

Ho veduto solo una volta
un sole cosí insanguinato. 
               E poi mai piú.
Scendeva funesto sull’orizzonte
e sembrava
che qualcuno avesse sfondato la porta
dell’inferno.
Ho domandato alla spécola
e ora so il perché.

L’inferno lo conosciamo, è dappertutto
e cammina su due gambe. 
Ma il paradiso?
Può darsi che il paradiso non sia null’altro
che un sorriso 
             atteso per lungo tempo,
e labbra 
              che bisbigliano il nostro nome.
E poi quel breve vertiginoso momento
quando ci è concesso di dimenticare velocemente
quell’inferno.

 

Jaroslav Seifert, Praga  23 9 1901 – Praga  10 1 1986

da “La colata delle campane”  in  “Vestita di luce”

traduzione di Sergio Corduas

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: