Il tuo passaggio rimase nei miei giorni

100-layer-cake

 

[……] 

Il tuo passaggio rimase nei miei giorni,

come profumo sta attaccato ad un abito,

che inconsapevolmente lo accoglie solo

per  portarlo sempre addosso.

 

Gertrud Kolmar, pseudonimo di Gertrud Chodziesner

Berlino  10 dicembre 1894 – Auschwitz 2 marzo 1943

ultimi versi de “L’abbandonata”

traduzione di Sotera Fornaro

 

 

 


2 responses to “Il tuo passaggio rimase nei miei giorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: