la poesia deve essere letta da amici sconosciuti su treni  che arrivano sempre in ritardo…..

treno-di-notte

 

                                          per la morte del poeta René Guy Cadou

 

 …Tu sapevi che la poesia deve essere familiare

come il cielo che ci sovrasta,
che non significa niente se non permette

agli uomini di avvicinarsi e di conoscersi.
La poesia si deve scambiare

come moneta quotidiana,
e deve stare su tutte le tavole
come la canzone di una brocca di vino

che  illumina  le strade la domenica.
La poesia
è un respirare in pace
perché gli altri respirino.
Tu sapevi che le città sono imprevisti

che non prevarranno sugli alberi.
Che la poesia non si grida sulle piazze

né si va a vendere sui mercati alla moda,
che non si scrive con saliva,

con benzina, con smorfie,
né con il basso umorismo

di quelli che vogliono

richiamare l’attenzione

con scherzi da pagliacci pretenziosi,
e che non servono a niente i grandi discorsi

balbettanti di chi non ha niente da dire,
e trasforma la poesia

in una stanza cieca e maleodorante.
Una poesia deve essere
un pane fresco,
un cesto di vimini
e deve essere letta da amici sconosciuti
su treni  che arrivano sempre in ritardo

in paesi sperduti,
o sotto i castagni delle piazze dei villaggi….

 

 

 

Jorge Teillier

Lautaro (Cile) 24 giugno 1935 –  Viña del Mar (Cile) 22 aprile 1996 

traduzione mia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: