Come i treni che nell’infanzia…

tumblr_nhp4ciKMvW1rpwhvdo1_500

Cosa fare con le parole alla fine? 
Posso solo cercare, per sapere chi sono, 
nell’infanzia e ora nella vecchiaia: 
qui è dove la notte è fredda e chiara 
come un principio logico. Il resto della mia vita 
è una confusione per tutto quello 
che non ho mai capito: 
le noiose domande sul sesso
e gli inutili lampi 
di  intelligenza. Devo convivere 
con la tristezza e la felicità, 
vicini spietati. 
L’ultima verità si avvicina, dura e semplice. 
Come i treni che nell’infanzia, 
giocando sul marciapiede, mi superavano sfiorandomi.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da “Amar es dònde”

da me liberamente tradotta

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: