Che ingiustizia!

tumblr_ofuxa9EPON1vcm0fko1_1280

Presto l’inverno andrà via. Come un mare in ritirata

con la bassa marea,

lascia queste isole dolci, preziose, lisce, lavate,

questi giorni leggeri e freddi, come  sabbia.

E mi ricordo di te. Così come la sabbia bagnata

che l’acqua dovrà battere e  l’aria dovrà disperdere

così come la sabbia fredda, vagante, leggera,

i nostri giorni, cristalli

fragili, ciottoli,

sabbia, sabbia, sabbia,

ore di sabbia eterea,

giorni spazzati via, fragili.

E mi ricordo di te. L’inverno presto andrà via.

Torneranno, elargitori di luce, giorni azzurri,

il nostro mandorlo diventerà bianco.

( la ginestra ha già

due fiori gialli)

Che ingiustizia, che vergogna

per questi occhi ubriachi di colori, i giorni

che i tuoi occhi non vedranno!

 

Circe Maia, Montevideo 1932

da “La casa de polvo sumeria”

da me liberamente tradotta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: