Quando muore un poeta, il mondo è meno luminoso.

2F - Olga Savary [OK]

Poesia brasiliana

 

iandára in tupi* è mezzogiorno.

iaciçuaçú è luna piena,

o come dicono i nostri indios:

luna dal volto grande.

Iacipirêra, luna calante,

è scorza di luna.

Quando prosaicamente diremmo

piove, loro dicono: o kyr amaná

= precipitano le nuvole.

 

Con tanta poesia cosi non mi è difficile

amare un indio, padrone della terra, dell´acqua.

E ancor  di più  io che non so nemmeno il mio nome.

 

 

Olga Savary 

Belém do pará, 21  5 1933 – 16 5 2020

*lingua di un macrogruppo etnico dell’Amazzonia


One response to “Quando muore un poeta, il mondo è meno luminoso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: