Archivi tag: Alida Airaghi

Insegnaci

tumblr_ovjhncBJH91tp0mqvo1_500

Insegnaci a contare i nostri giorni:

quelli che abbiamo avuto,

quelli che ci rimangono.

Giorni attesi, giorni sprecati.

Quelli annoiati, quelli incompresi.

Le nostre albe assonnate,

gli indaffarati mattini.

Sere di baci. Notti fugaci.

E carezze, e tristezze.

Insegnaci a contare i minuti,

a non perderli. Vissuti,

da vivere: minuti così brevi

che riempiamo di niente

e di gente, di cose e pensieri

per farli durare fino a un’ora.

Lasciaci ancora tornare ai nostri ieri,

progettare i domani: e rimani,

rimani nel tempo che viviamo,

nel momento che siamo.

 

Alida Airaghi, Verona  1953

da “Frontiere del tempo”


La mia solitudine mi coglie di sorpresa come una presenza: come un essere invisibile

tumblr_mijljtqSnO1rdirdro1_500

Ho letto le poesie di Prados

in un libro che era di mio marito:

c’è il suo nome, il luogo, la data

e segni di matita accanto ai versi

che gli sono piaciuti.

“Quien roba luz en las ramas

del arbol?”

Si sarà tolto gli occhiali,

avrà guardato fuori.

Mi tolgo gli occhiali, guardo fuori,

segno con la matita altri versi.

“Mi soledad me ha sorprendido

como una forma humana”.

Lui è morto da undici anni,

e il libro di Prados è del sessantasei.

 

 

Alida Airaghi, Verona  1953

da “Frontiere del tempo”

 

Sul mio comodino c’è sempre più di un libro,  per via dell’abitudine che ho, fin dall’adolescenza,  di leggerne due, a volte anche tre,  contemporaneamente. Mio marito, invece, negli ultimi anni  aveva ammassato, sul suo,   libri e libri  e ciò era spesso motivo di battibecchi tra di noi, perché nell’operazione di rispolvero, cadevano e lui si lamentava del confuso riordino da parte mia. Trattavano tutti di un unico argomento: la genetica, una materia per me di difficile lettura. Ora che non c’è più,  li ho riposti nella libreria dello studio. Quando mi capita di fare pulizia,  li sfoglio, leggo qualche titolo, mi soffermo alle sottolineature a matita,  li richiudo, con la mano percorro  i loro margini e sfioro lentamente  la superficie delle pagine, quasi fossero carezze.

Iraida (Annamaria S.) 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: