Archivi tag: Andrés  Trapiello

La casa della vita

112618712

 

Il mio cuore è una vecchia casa.

Ha un giardino e nel giardino un pozzo

e gallerie di edera e foglie morte.

È la casa a cui tirano pietre

i bambini quando tornano da scuola,

dopo aver rubato dal suo frutteto

il misero bottino  di qualche mela aspra.

Sul suo tetto ci sono nidi di uccelli che cantano

e di notte una truppa di topi immondi.

Il glicine ha ricoperto i vecchi archi

e un cancello di lance

e  una terrazza alta dove arriva

la chioma di un melograno con melograni

una colombaia e alcune stalle in rovina.

Un pezzo di strada e in lontananza

la lucentezza del mondo.

È fuori città e la sua architettura

è indiana, lo sai:

tutto un po’ in disordine, però è bianca,

è grande, è vecchia, è solitaria.

 

 

Andrés  Trapiello,

 Manzaneda de Torío (Spagna) 10  6  1953

da “El mismo libro”

da me liberamente tradotta


un giorno verrà che ti chiedi……

tumblr_ojluo8ofQM1sr14ndo1_1280

Sul finire della sera
gli ultimi lembi di luce sostano
sul muro di calce,
collisioni, cenere.
E allora i paesaggi
suonano negli occhi come di smalto
e sembrano persino lacrime,
tanto giungono dolcemente.
Parlo di me poiché temo la nuda
morte delle cose
e che essa venga su questa terrazza,
per restare tranquilla e nella valle silente.
Come nella tazza il tè arabo e verde
o il vecchio libro accanto aperto
hanno raggiunto la loro quiete,
e nella loro calma
sembrano astri che girano in ampie orbite,
così quel vecchio libro e tazza da tè,
questo luogo ricorda e questo momento.
Un giorno verrà che ti chiedi:
che è stato di te, di me, di tutto quello?
e degli occhi
non ci saranno più parole.

 

Andrés  Trapiello,

 Manzaneda de Torío (Spagna) 10  6  1953

da “Junto a l’agua”

traduzione di Gabriele Morelli

da Poesia n. 352 Ottobre 2019


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: