Archivi tag: ÁNGEL GONZÁLEZ

Cadute

i-was-falling-high

 

E cado di nuovo da me stesso

nel vuoto

 nel nulla.

Che piroetta!

Discesa o volo?

Non lo so.

Incasso il colpo e mi siedo.

Mi tocco per vedere se c’è stato un gran danno,

ma non mi trovo.

Dov’è il mio corpo?

Mi duole solo l’anima.

Niente di grave.

 

Ángel González, Oviedo 6 9 1925 / Madrid 12 1 2008

traduzione mia


Leggo poesie……

tumblr_magbv4Cecs1rcd0wwo1_500
Leggo poesie a caso,
leggo quasi senza pensare a quel che leggo.
Quando incontro un verso triste,
sento nell’anima come una carezza.
Non che mi conforti la tristezza altrui;
è che mi sento meno solo.

Angel Gonzales


Che giorno pigro, questo.

tumblr_mazo00sqta1qb30dwo1_500
UN LUNGO ADDIO
Che giorno pigro, questo
che oggi non vuole andarsene
alla sua ora.
Il sole,
ormai dietro la linea lucida
dell’orizzonte,
lo tira a sé,
lo reclama.
Ma
gli uccelli lo aggrovigliano
con il loro canto
ai rami più alti,
e una brezza contraria
mantiene in bilico, su di noi,
la polvere dorata
della sua luce.
Esce la luna ed è ancora giorno.
La luce che era d’oro ora è d’argento.

ÁNGEL GONZÁLEZ
(Oviedo, 6 de settembre de 1925 – Madrid, 12 gennaio 2008)