Archivi tag: Eavan Boland

Echo

tumblr_n0h1gboqsj1sr14ndo1_1280

 

Dopo l’ululato di un animale.

      Dopo il tuono. Dopo il corno.

                Dopo il canto di una donna di montagna

                         c’è il silenzio e l’aria vuota.

                               Poi ci sei tu.

 

Ascolti. Il tuono chiama.

           Ascolti. Le onde parlano.

                   Rispondi. Ma nessuno mai

                             ti risponderà. E lo sai.

                                       E questo vale anche per te

                                                                                            – poeta!

 

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “The code ” in   “Tempo e violenza”
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti

 

 


…..amavo le piccole città

tumblr_m0i3x1nmgb1qzs7m3o1_500

 

…..amavo le piccole città, sembravano arrivare da

un’epoca più gentile: le persiane dei negozi abbassate nei pomeriggi

dei giorni feriali, sere pacifiche coi letti tirati giù,

le scarpe raccolte, a due a due, sotto i letti e 

nelle cantine delle fattorie vicine, all’erta, pronti

a essere venduti nei giorni di mercato, untuosi cheddar piccanti

sempre più piccanti e invecchiati….

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “Addormentarsi al suono della pioggia ” in Tempo e violenza”
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti

 


Ambra

ambra-pietra-preziosa

 

Che un tempo ci sia stato un grande dolore, non ha mai avuto importanza:
gli alberi sulle colline, nei boschetti, che piangono
un oro di plastica che cade

a terra per secoli e stagioni
fino ad ora.

In questo bel pomeriggio di settembre in cui tu non ci sei
tengo stretto, come se la mia mano lo potesse custodire,
un monile d’ambra

che mi hai donato un tempo.

La ragione dice questo:
i morti non possono vedere i vivi
i vivi non rivedranno più i morti.

L’aria chiara di cui abbiamo bisogno per ritrovarci è
svanita per sempre, eppure

questa resina un tempo
ha raccolto semi, foglie e perfino piccole piume mentre cadeva
e cadeva

e ora in un’atmosfera solare sembrano vivi
come non mai
come se il passato fosse presente e il ricordo stesso
un miele baltico

uno sfregamento agli orli del visibile, un’esibizione solo di quanto

si possa conservare

dentro un’imperfetta traslucenza.

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “Domestic violence” in Tempo e violenza. Poesie scelte
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti


Ciò che abbiamo perduto

 

tumblr_njj0lndDUh1qa7boko1_500

 

…… e chi saprà che una volta

le parole erano possibilità e delusioni,
erano cassetti odorosi pieni di lettere d’amore
e ricordi e lavanda serbata in
sacchetti di mussola, a profumare il letto;

e sete esotiche e le tonalità del cotone
teso in camiciole, che il respiro dolcemente modella;
erano le stanze dell’infanzia con la loro pace senza pena,
le loro mani, i sussurri, le candele che piangono luminose?

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
ultimi versi della poesia “Ciò che abbiamo perduto”
da “Outside History” in Tempo e violenza. Poesie scelte
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti


Il ventaglio di pizzo nero che mi ha dato mia madre

images

Fu il primo regalo che lui le fece,
comprato per cinque franchi alle Galeries
nella Parigi anteguerra. Si soffocava.
Una siccità senza stelle rendeva le notti burrascose.

Rimasero in città per l’estate.
Si incontravano nei caffè. Lei era sempre in anticipo
Lui in ritardo. Quella sera era ancora più in ritardo.
Gli incartarono il ventaglio. Lui guardò l’orologio.

Lei guardò giù per il Boulevard des Capucines.
Ordinò un altro caffé. Si alzò.
Le strade si stavano svuotando. Il caldo era micidiale.
Le sembrò che la distanza odorasse di pioggia e lampi.

Queste sono rose selvatiche, applicate a mano sulla seta,
colte col buio, cucite con punti svelti, decisi.
Il resto è di tartaruga e ha la reticente,
distinta pazienza del suo elemento…

Il passato è la terrazza vuota di un caffé.
Un afoso crepuscolo prima del tuono. Un uomo che corre.
E non c’è un modo ora di sapere cosa accadde allora –
neanche uno – a meno che, ovviamente, non si improvvisi…

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “Outside History” in Tempo e violenza. Poesie scelte
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti

 

tumblr_m49o4xhthz1r61dzgo1_500

 

“La storia non è lo studio delle origini ma è l’analisi di tutte le mediazioni attraverso cui il passato è diventato il nostro presente” (Dalla prefazione della stessa Boland alla raccolta “Tempo e violenza”)


Le donne

aprill ll 008

 

E’ questa l’ora che amo: l’ora intermedia
né di qui né di là della sera.
L’aria in giardino ha il colore del tè.
…………………………………
E’ questo il momento in cui lavoro meglio,
salgo le scale in due stati d’animo,
in due mondi, portando stoffa o vetro,
lasciando giù qualcosa,
prendendo con me qualcosa che avrei dovuto lasciare giù.

L’ora del cambiamento, della metamorfosi,
delle instabilità che mutano forma.
Il mio momento del sesto senso e della seconda vista
quando nelle parole che scelgo, nei versi che scrivo,
loro mi appaiono davanti come visioni:

donne di lavoro, di piacere, della notte,
vestite di seta del color della stufa, di pizzo, di nulla,
con aghi da ricamo, con libri, con gambe spalancate……

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “The Journey”” in Tempo e violenza. Poesie scelte
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti


Questo momento

tumblr_ni8kwuK8oP1rmdqv0o1_400
 

Un quartiere
all’imbrunire.

Le cose si preparano
a succedere
lontano dagli occhi.

Stelle e falene.
E bucce che pendono dai frutti.

Ma non ancora.

Un albero è nero.
Una finestra è gialla come il burro.

Una donna si china a prendere una bimba
che le è corsa tra le braccia
in questo momento.

Le stelle sorgono.
Le falene sfarfallano.
Le mele maturano al buio.

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “In a time of violence” in “Tempo e violenza”
traduzioni di Giorgio Sensi e Andrea Sirotti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: