Archivi tag: Eavan Boland

Una lezione dagli oggetti (scena di caccia su una tazzina andata in frantumi)

e0295394_7592029

 

 

Un tordo pronto a cantare
una dama che sorride mentre il cacciatore la bacia:
come appaia un paesaggio prima che la catastrofe
vi si abbatta o la sofferenza
diventi un’abitudine.

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944
da “The Journey”” in Tempo e violenza. Poesie scelte
traduzione di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti

La lezione, la sua interpretazione, direi, è assolutamente soggettiva.


Fiori di mezzanotte

images2

Scendo passo dopo passo.
La casa è tranquilla, piena di calore intrappolato e di riposo.
In cucina tutto è fermo.
Niente è distinto; non c’è luna di cui parlare.

Potrei essere distrutta ogni singolo giorno dal
paradosso o da ciò che in campagna chiamano
inverno del pruno,
quando la grandine arriva insieme al primo bocciuolo di melo.

Spingo un tasto e il giardino fiorisce.
Il lavoro d’un’intera estate in un momento!
Premo il viso contro il vetro. Posso vedere
ombre di lillà, di fucsia; un’oscura parvenza di ribes:

piccoli fruitori dell’immediatezza, quanto cupi sono essi ai
margini della luce.
Non richiedono pioggia, non hanno radici.

Tendo una mano; se ne sono andati.

Quando ero bambina una bocca di leone mi venne
tenuta ad un centimetro dal viso. Guarda, disse una voce, questo
è il colore dei tuoi capelli. E così fu, la mia testa,
un compiacente gioiello nelle mani di qualcun altro.

 

Eavan Boland, Dublino 24 9 1944


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: