Archivi tag: Eloy Sanchez Rosillo

e penso che la vita fosse bella….

 

tumblr_okm02d6cqu1tf6696o1_500

 

A volte ricordo il calore di quei giorni, 

la grazia di quel corpo addormentato, 

il candore del letto in un angolo della stanza, 

il libro abbandonato, semiaperto, 

la lampada sommessa, la finestra, 

il suono lontano della pioggia, 

le lente chiacchiere della notte, 

e penso che la vita fosse bella, 

e accarezzo le ferite del tempo sul mio petto.

 

Eloy Sánchez Rosillo,  Murcia (Spagna) 24 giugno 1948 

da “Modi di stare da solo” 1974 – 1977

traduzione mia


Principio e fine

tumblr_ogd8xfj4lT1turrjgo1_500

 

Può darsi che tu dica “L’estate che verrà
voglio tornare in Italia”, o “L’anno che oggi inizia
lo devo usare bene; con un po’ di fortuna
finirò il mio libro”, e poi: “Quando crescerà
mio figlio, che farò senza il dono dell’infanzia?”.
Ma l’estate prossima, veramente, è già passata;
hai terminato ormai da molti anni quel libro 
su cui lavori ora; tuo figlio si è fatto uomo
seguendo la sua strada lontano da te. I giorni
che verranno già son venuti. E poi cade la notte.
Allo stesso tempo respiriamo luce e cenere.
Principio e fine abitano lo stesso lampo.

 

Eloy Sánchez Rosillo,  Murcia 24 giugno 1948 

da “La vida” 1996

traduzione di Gloria Bazzocchi

 

 

 

 


Invocazione

tumblr_nfi2jxmHQ01r3ntg2o1_500

 

Perché, poesia, neghi il tuo aiuto?

Questa sera potresti fare felice un uomo

che aspetta d’ascoltare la tua musica

misteriosa per sapere che è vivo.

 

Eloy Sanchez Rosillo, Murcia 24 6 1948


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: