Archivi tag: essere vecchi

so’ ragazzi……


“La nostalgia degli anziani è dolce. (…) Ma la nostalgia come misura del mondo fa schifo, è ciarpame, e se non contiene abbondanti dosi di ironia, risulta imbarazzante.”
La frase, provocatoria ed interessante, è tratta da http://www.freddynietzsche.com/2012/06/11/quando-il-freddo-era-piu-freddo/ e si riferisce ad un articolo di Guido Ceronetti sul Corriere della sera http://www.corriere.it/cultura/12_giugno_10/telefonino-cernonetti_904138c2-b2c5-11e1-8b75-00f6d7ee22cc.shtml.
L’attempato intellettuale, parlando con leggerezza ed ironia del suo rapporto col cellulare da poco acquistato, si lascia andare a considerazioni sociologiche che qualche domanda dovrebbe sollecitarla in tutti noi.
Poteva essere uno spunto di riflessione su “modernità”e “antimodernità”, sulla tecnologia, sulla libertà e dipendenza dell’uomo dagli oggetti… e invece, invece è finito con i soliti stereotipi sulla vecchiaia, sul rincoglionimento nostalgico, fino a commenti come questi:
“ Una volta stavo scrivendo un messaggio al cellulare in un parchetto e si avvicina un anziano con la sua tipica “puzza da vecchio” che mi dice: “una volta per parlare con la mia morosa dovevo spedire una lettera!” al ché io ho risposto “forse per suo nonno l’unico modo per parlare con la fidanzata era andarla a trovare a cavallo!”

I grandi Fruttero e Lucentini dicevano che Flaubert fu il primo a sentire la cretineria come il problema del nostro tempo ed io aggiungerei che la cretineria non c’entra mai col dato anagrafico.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: