Archivi tag: Italia

Paesi

images

Non c’è felicità che assomigli
a quella di svegliarsi in Italia.

Non c’è fastidio che assomigli
a quello di accorgersi che no,

oddio no, è la Svizzera.

 

Daniel Samoilovich, Buenos Aires 1949

da “Molestando i demoni”

traduzione di Francesco Tarquini


ignominiosamente

italia_a_pezzi

 

Muore ignominiosamente la repubblica.
Ignominiosamente la spiano
i suoi molti bastardi nei suoi ultimi tormenti.
Arrotano ignominiosamente il becco i corvi nella stanza accanto.
Ignominiosamente si azzuffano i suoi orfani,
si sbranano ignominiosamente tra di loro i suoi sciacalli.
Tutto accade ignominiosamente, tutto
meno la morte medesima – cerco di farmi intendere
dinanzi a non so che tribunale
di che sognata equità. E l’udienza è tolta.

 

Mario Luzi, Castello di Firenze, 20 10 1914 – Firenze, 28 2 2005

da Al fuoco della controversia


La via italiana alla verità: l’arabesco

arabeschi
Appartengo alla minoranza silenziosa. Sono di quei pochi che non hanno più nulla da dire e aspettano. Che cosa? Che tutto si chiarisca? L’età mi ha portato la certezza che niente si può chiarire: in questo paese che amo non esiste, semplicemente, la verità.
Paesi molto più piccoli e importanti del nostro hanno una loro verità, noi ne abbiamo infinite versioni. Le cause? Lascio agli storici, ai sociologi, agli psicanalisti, alle tavole rotonde il compito di indicarci le cause, io ne subisco gli effetti. E con me pochi altri, perché quasi tutti hanno una soluzione da proporci: la loro verità, cioè qualcosa che non contrasti i loro interessi.
Alla tavola rotonda bisognerà anche invitare uno storico dell’arte per fargli dire quale influenza può avere avuto il barocco sulla nostra psicologia. In Italia infatti la linea più breve tra due punti è l’arabesco.
Viviamo in una rete d’arabeschi.

Ennio Flaiano, giornalista, scrittore, sceneggiatore, umorista, critico cinematografico, drammaturgo italiano.
Pescara 5 marzo 1910 – Roma, 20 novembre 1972

Flaiano, una personalità straordinaria.


Un lungosenna ci manca….dalle nostre parti

tumblr_m30i8s4RPr1ql0s8so1_500
Lungosenna

Un lungosenna ci manca
da queste parti
e un fiume lento ed assassino
che come un ragionamento
attraversi la città impura
(vanno i batò lenti e scendono
Senza fretta verso dove)
un ragionamento che sia
la ferita e la sutura
di una città sventrata e persa
una ruga sul volto
di una donna che fu bella
e in altro modo si ridisegna al tempo
un lungosenna di merda
che separi il loglio dal grano
e in mezzo il nulla
del tempo che precipita
verso l’infinito orrore.
Perché questo è il giardino
della vergogna, viandante stupito,
questa è la città
in bilico sul rasoio delle sconfitte
giorno dopo giorno.
-fosti tu a dire di farlo
-fosti tu a farlo
-fosti tu a pensare e a non dire.
Un lungo fiume assassino che
acqua lustrale la città
questa per dio
purifichi per allagamento e per immersione
per rapina e per erosione
per spolpamento delle nefandezze
e giù nell’infinito mare
tutta trasporti l’arroganza
delle genti ignoranti
che ai figli ai propri figli per dio
l’orgoglio negarono
della bella gioventù.

Pietro Pasquale Daniele

Dal sito http://www.vicoacitillo.it/


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: