Archivi tag: Joan Margarit

De Senectute

La rivista  spagnola EL PERIÓDICO  rende omaggio alle vittime del  covid-19  con una poesia di  Joan Margarit . Il poeta catalano, ultimo  premio Cervantes, ha consegnato al giornale la poesia “De Senectute”,  in memoria di coloro che sono morti durante la pandemia.

joandestacada

L’amore dei giovani non pensa all’oblio.

Comanda il futuro, nonostante soltanto brilli,

nel profondo del cervello come una pozzanghera.

Il dolore porta ordine, suona come avvertimento:

è il corno del rimorchiatore

che ci trascina fino a lasciare il porto.

Si pagano a caro prezzo i tentativi

di distruggere il dolore, perché anche

lì vi è amore.

Intelligenza significa salvare tutto.

Che i nostri occhi attenti brillino

di quella splendida inutilità.

Senza il dolore,

non avremmo mai potuto amare così.

 

 

Joan Margarit

traduzione di Stefania Di Leo

 

 


Elena è tutti i sogni di cui la vita si è appropriata…

Gaston-Bussiere-Macon-Elena-di-Troia

 

Il passato è il tuo inferno, è ogni istante

in cui, senza saperlo, ti sei perso

e ogni istante in cui  ti sei salvato.

Quando il giovane che eri  non esiste più,

l’amore  è la rivincita sul passato.

Arriva dopo   una guerra in cui sei stato sconfitto,

da armi e accampamenti che un giorno

hai abbandonato a Troia

che ti porti dentro.

Gli achei ti cercheranno di notte

e stringeranno il cerchio. 

Di nuovo perderai la città per qualche donna.

Elena è tutti i sogni

di cui la vita si è appropriata.

Difendila un’altra volta: sarà l’ultima.

E fallo con coraggio, disarmato. 

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da me liberamente tradotta


Solo a casa e guardando negli armadi

10534732_927496500612884_6852468148653423060_n

Trovo qualche vecchia carta stradale,

contratti scaduti, stilografiche

che non scriveranno più nessuna lettera,

calcolatrici con le batterie scariche

e orologi che il tempo ha rovinato.

Di solito nei cassetti, come un ratto triste,

nidifica il passato. Abiti vuoti

pendono proprio come i vecchi personaggi

che hanno interpretato.

Ma trovo anche la tua lingerie,

color sabbia, o notte, con piccoli ricami.

Mutandine, reggiseni, collant che spiego

e che mi fanno tornare al luminoso

– e allo stesso tempo misterioso – scenario di amore e sesso:

ciò che dà davvero vita alle case,

lo stesso che dà ai porti lontani

la luce dei loro caffè e delle loro barche.

 

 

Joan Margarit 
Sanahuja, Spagna 11 5 1938

da me liberamente tradotta


Ulisse nelle acque di Itaca

11.-Il-ritorno-di-Ulisse-inv.44

Stai arrivando sull’isola e, quindi, sai

cos’ è il destino; vivere, cosa significa

Il tuo arco sarà polvere in un attimo.

Polvere sarà il telaio e la trama.

I pretendenti, che nel patio accampano,

sono ombre nei sogni di Penélope.

Stai arrivando sull’isola: come il tempo

nell’Odissea, batte il mare sugli scogli.

Nessuno ha mai tessuto la tua assenza. E nessuno

è venuto a disfare il tuo oblio.

Anche se, a volte, la ragione lo ignora,

Penelope è l’ombra del tuo sogno.

Stai arrivando sull’isola: i gabbiani

coprono la spiaggia e non si muoveranno

quando passerai senza lasciare tracce,

perché non esisti: sei leggenda.

Forse un lontano Ulisse morì a Troia,

e forse una donna pianse,

ma nel sogno di un poeta greco

sei l’idea dell’uomo:

nella mente di Omero, puntuale

eterno, ad ogni alba sbarca un solitario Ulisse.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna 11 5 1938

da me liberamente tradotta


Come i treni che nell’infanzia…

tumblr_nhp4ciKMvW1rpwhvdo1_500

Cosa fare con le parole alla fine? 
Posso solo cercare, per sapere chi sono, 
nell’infanzia e ora nella vecchiaia: 
qui è dove la notte è fredda e chiara 
come un principio logico. Il resto della mia vita 
è una confusione per tutto quello 
che non ho mai capito: 
le noiose domande sul sesso
e gli inutili lampi 
di  intelligenza. Devo convivere 
con la tristezza e la felicità, 
vicini spietati. 
L’ultima verità si avvicina, dura e semplice. 
Come i treni che nell’infanzia, 
giocando sul marciapiede, mi superavano sfiorandomi.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da “Amar es dònde”

da me liberamente tradotta

 


L’amore è un posto

tumblr_n1tbyuZPJF1r2qnymo1_500 (2)

 

Seduto su un treno guardo il paesaggio
e all’improvviso, fugace, un vigneto passa
come un  lampo di  verità.
Scendere dal treno sarebbe un errore
perché intanto il vigneto scomparirebbe.
L’amore è un posto,  lo evoca sempre qualcosa:
un tetto in lontananza, il podio  vuoto
(a terra una rosa) di un direttore d’orchestra,
i musicisti che oggi suonano da soli.
La tua camera all’alba.
E, naturalmente, gli uccelli che cantano
in quel cimitero una mattina di giugno.
L’amore è un posto.
Resiste nel più profondo: è da dove veniamo.
Ed è anche il luogo dove si trova la vita.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da “Llegas tarde a tu tiempo”

da me liberamente tradotta


Non gettar via le lettere d’amore

 

Sweet_remembrance_by_SuzyTheButcher

 

Loro non ti abbandoneranno.

Il tempo passerà, si spegnerà  il desiderio

– questa linea d’ombra-

e la sensuale aria, bella e intelligente,

in te sarà  nascosta, in fondo ad uno specchio.

Cadranno gli anni . Ti stancherai dei libri.

Scenderai ancor più

e perderai perfino la poesia.

Il rumore della città attraverso i vetri

finirà per essere la tua unica musica,

e le lettere d’amore che hai conservato

saranno la tua ultima letteratura.

 

 

Joan Margarit 

Sanahuja , Spagna  11 5 1938

dall’antologia “La libertà è uno strano viaggio

liberamente da me tradotta


La ragazza del semaforo

tumblr_ok90y0Kljx1sr14ndo1_500

 

Hai la  stessa età che avevo io
quando ho cominciato a sognare di incontrarti
Allora non sapevo,  proprio come  non 
hai ancora imparato tu,  che arriva il giorno in 
cui l’amore è quest’arma carica
di solitudine e malinconia 
che puntano i miei occhi. 
Sei la ragazza che ho cercato 
quando non esistevi ancora. 
E io l’uomo verso il quale 
vorrai  un giorno dirigere i tuoi passi. 
Ma sarò tanto lontano da te allora 
quanto sei tu da me ora a questo semaforo.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da “Llegas tarde a tu tiempo”

da me liberamente tradotta


Cose che abbiamo in comune

tumblr_ok90y0Kljx1sr14ndo1_500

 

Esserci conosciuti un autunno su un treno che andava vuoto.

La promessa di desiderio radiosa, sebbene crudele .

La cicatrice della malinconia e l’antico sentimento con cui

comprendiamo i motivi del lupo. 

La luna che accompagna il treno notturno 

Barcellona-Parigi. 

Un coltello di luce per i crimini 

che dobbiamo commettere per amore. 

La nostra dannata fortuna innocente. 

La voce del mare, che ti dirà sempre 

dove sono, perché è il nostro confidente. 

Le poesie, che sono lettere anonime 

scritte da dove non immagini, 

alla stessa ragazza che un autunno

ho incontrato su quel treno che andava vuoto.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da me liberamente tradotta

 

 


Consuetudine

Andrew Wyeth - Wind from the Sea, 1947

 

Già da bambino  cercavo finestre

per poter scappare con gli occhi.

Da allora, se entro in un posto,

guardo con attenzione dove lascio la giacca

e dov’è l’uscita.

La libertà, per me, significa fuga.

Ci sono molte porte nel mondo.

Anche il sesso, in caso di emergenza,

può esserlo, anche se tutti vanno chiudendosi

e, per fuggire, molto presto 

solo le finestre dell’infanzia

resteranno spalancate

per poter saltare.

 

Joan Margarit 

Sanahuja, Spagna  11 5 1938

da me liberamente tradotta

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: