Archivi tag: Juan Gelman

oggi fa male

 

 

tumblr_mtowjoPOYe1sqfvbho1_500

 

Oggi fa male senza possibile distrazione, nemmeno l’uccellino

che consolava lo consola

né quel che sarà-fu

né le sorgenti

dell’endecasillabo

né premi della tenerezza

né il mondo che va in malora

né le pallottole che lo ferirono

di verità

né la polenta dell’infanzia

né la paura

dell’angolo di strada

né le cicatrici nascoste

in un angolo

né piangere per ciò che non fu

le curve del paesaggio

amato oggi dentro al cuore.

 

Juan Gelman

Buenos Aires, 3 5 1930 – Città del Messico, 14 1 2014

dal volume  “Hoy”

 traduzione di Laura Branchini

 

 


Sempre…

OhxIgFLU0diikawoetXDoZAV_500
Dove
in quali tenebre t’avvolgi?
non parlo con te
non mi ascolti parlare
non ti respiro
non ti vedo
mi forgiano
le martellate della tua assenza
sempre ti amerò
sempre
i miei versi dolenti di te
dirò in solitudine
come se tu fossi
frutta tenuta in segreto
cieca sotto la gonna
di una bimba
sperduta nella sua memoria
in fuga
triste del suo rossore.

Juan Gelman
Buenos Aires, 3 5 1930 – Città del Messico, 14 1 2014

Juan Gelman, poeta, scrittore e giornalista argentino, è vissuto a lungo in esilio, perchè impegnato nella lotta legale contro il regime di Videla, che negli anni 70, gli uccise il figlio Marcelo e la nuora. Quest’ultima, prima di essere giustiziata, aveva partorito una bambina, che fu data subito in adozione. Gelman iniziò quindi una lunga e difficile ricerca che finì nel 2000, quando il poeta riuscì a rintracciarla in Uruguay. Insieme a lei ha continuato a battersi, per il riconoscimento dei diritti dei familiari dei desaparesidos, fino alla fine.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: