Archivi tag: omosessualità

Tutto si armonizza per differenza

tumblr_m1sbn7LeoU1qcnb3lo1_500



Tutto si armonizza per differenza:
il deserto di ghiaccio, l´albero nella roccia,
la delicata furia del mare e le stelle.
Nasciamo trasparenti come l´aria,
e diventiamo opachi come il marmo.
Possiamo sopportare tanto dolore
come piacere siamo capaci di ricevere.
Pietra, erba, fuoco, acqua,
luce, tenebra, tempesta di sabbia:
tutto si armoniza per differenza.
La città, mentre dormi,
draga il silenzio che rende tutto nuovo.
Nessuno ha altra patria se non per andarsene.
L´amore porta in braccio
l´atroce metodo di mettere il bavaglio.
Ciò che ci colma dell´altro ci svuota.
Nube, radice, il canto degli uccelli:
tutto si armoniza per differenza.

Angel Guinda, Saragozza 1948
Traduzione Manuele Masini

Asia ha sei anni. Giorni fa ha visto, per la prima volta, baciarsi due uomini “nella bocca”(lei dice proprio così).
Suo padre, sua mamma ed io, che sono la nonna, abbiamo tentato di trovare le parole adatte a spiegarle il senso del suo stupore.

Ci pensavo oggi, leggendo questa poesia.
A questo mondo tutto ciò che è armonioso, e perciò ci rende felici, nasce dalla differenza, dalla diversità.


Il silenzio

tumblr_nfb9sk2Mui1r3fkjno1_1280
Il silenzio può essere un piano
rigorosamente eseguito
La cartografia di una vita
È una presenza
ha una storia una forma
Non confonderlo
con alcun tipo di assenza.

Adrienne Rich
Baltimora, 16 maggio 1929 – Santa Cruz, 27 marzo 2012

Quasi un monito, questa poesia.
Una delle grandi voci della poesia moderna americana, militante femminista e pacifista, Adrienne Rich prese coscienza e dichiarò la sua omosessualità, dopo venti anni di matrimonio e tre figli. Per tutta la vita, si ribellò allo stereotipo della donna “inesistente” inghiottita da doveri e restrizioni quotidiane, dall’ottusa visione di una donna prigioniera di convenzioni e regole imposte. Nelle sue opere in prosa e versi, si interroga sulle istituzioni del matrimonio e della maternità che, dice, hanno fatto dell’esistenza delle donne, delle “vite rinchiuse”. E invece lei pensava a una donna presente e partecipe della Storia, coraggiosa e con la giusta indignazione di fronte a ingiustizia e oppressione, una donna ” che troverà la via / per entrare di nuovo in scena / con un coltello e una macchina fotografica / un libro di miti….
E Adrienne Rich fu una donna di grande coraggio e coerenza. Nel 1997 rifiutò la National Medal of Arts, in disaccordo con la presidenza Clinton in quanto “l’arte, per come la concepisco io, e’ incompatibile con la politica cinica di questa amministrazione”. Nel 2003, la Rich e altri poeti rifiutarono di partecipare a una conferenza alla Casa Bianca sulla poesia americana, in segno di protesta contro la guerra in Iraq.


Tutto ciò che è reale è razionale ?

BLUES IN MEMORIA

Fermate tutti gli orologi, isolate il telefono,
fate tacere il cane con un osso succulento,
chiudete i pianoforte, e tra un rullio smorzato
portate fuori il feretro, si accostino i dolenti.
Incrocino aeroplani lamentosi lassù
e scrivano sul cielo il messaggio Lui È Morto,
allacciate nastri di crespo al collo bianco dei piccioni,
i vigili si mettano guanti di tela nera.
Lui era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est ed Ovest,
la mia settimana di lavoro e il mio riposo la domenica,
il mio mezzodì, la mezzanotte, la mia lingua, il mio canto;
pensavo che l’amore fosse eterno: e avevo torto.
Non servon più le stelle: spegnetele anche tutte;
imballate la luna, smontate pure il sole;
svuotatemi l’oceano e sradicate il bosco;
perché ormai più nulla può giovare.

Wystan Hugh Auden (York,Inghilterra 21 febbraio 1907 – Vienna, 29 settembre 1973)

(Traduzione di Gilberto Forti)

In un momento di grande svolta epocale come quello che stiamo vivendo, con una crisi di cui non sono prevedibili, nemmeno lontanamente,  le conseguenze per milioni di persone e per la loro sopravvivenza (al di là dell’Adriatico un paese brucia ) è razionale occupare l’etere e  tanta carta stampata per un  bacio in pubblico tra due persone che si amano?  Sì, di persone che si amano. Si può pregare Giovanardi, quando pensa agli omosessuali,  di spostare la sua attenzione dall’atto sessuale  all’amore? perché di amore si tratta, amore  che include il sesso ma anche sentimento,  spiritualità, affinità, condivisione… che vibrano tutti in questi versi di Auden per la morte del suo amato.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: