Archivi tag: presente

….ed è la prima volta che vedo il vento.

tumblr_ni8kwuK8oP1rmdqv0o1_400

 

 

La sete della polvere

I
…………………….
…………………………

A quest’appuntamento con il presente sono giunto,
con la puntualità di un pacemaker
e non vi è sguardo vasto di cui necessiti
perché continuo a credere che siamo
quelli che restiamo in vita.

II
Resta l’ondeggiare
di sillabe perse nella pioggia,
il corpo invecchiato che si congeda
come frutto caduto
dal più vitale tra gli alberi.
Contemplo chi va via
con quella necessità di chi aggiusta il mondo
prima di non tornare,
prima di andarsene
lì dove già non importa
da quale tempo veniamo,
lì dove già non importa
né il tuo nome né il mio.

III
Restiamo varati sotto l’albero
e sentiamo un’aria di distanza,
riposo accompagnato senza saperlo
ed è la prima volta che vedo il vento.

 

Ricardo Venegas. San Luis Potosí, Messico, 1973
da “La sete della polvere”
trad. Lucia Cupertino


Dopo che tutto è stato fatto per trattenere la vita….

cappello2_2369775_314082

Ci si risveglia un giorno e le cose sembrano le stesse
mentre invece dietro a noi si è aperto un vuoto
dopo che tutto è stato fatto per trattenere la vita
in mezzo a un panorama di pietre sparse e tegole rotte.
Allora uno mette il dentifricio sullo spazzolino
mescola lo zucchero al caffè
con l’attenzione che aveva da scolaro
quando ritagliava dalla carta
file di bambini che si tengono per mano,
piccoli pesci che baciano l’aria.

da Mandate a dire all’imperatore.
Pierluigi Cappello.* (Gemona del Friuli (UD) 1967)

 


Misura bene la tua felicità presente prima di appenderla come una gruccia.

tumblr_mij10wptyl1qfcb1io1_1280
NEGLI ARMADI
A Juan Gómez Bárcena

Vivere è anche raccogliersi negli armadi:
una parola troppo aspra,
il travestimento del momento macchiato per sempre,
quel cappotto di tua madre
o una pezza d’azzurro intenso
senza stagione d’un così azzurro …

Vai vivendo la tua ritirata.

Misura bene la tua felicità presente
prima di appenderla come una gruccia.

Un giorno non entrerai più nell’armadio.
Ti stiperanno con il fuoco,
sotto l’aria.

Javier Vicedo Alós (Castellòn 1985)
da Finestre su nessun luogo
traduzione di Antonio Buccelli


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: