Archivi tag: Raúl González Tuñón

Una volta….

botero-circus

 

….non c’è cosa  più triste di quando va via il  circo  
che in ampi spazi ha  fatto vibrare la sua tenda.
Perché il circo sì è un fiore con la musica 
diffuso e sonoro. Chiaro come una domenica. 
Una volta sono andato dietro a un povero circo

Una volta sono andato dietro a un sogno

dietro a un sogno con la musica. 

 

Raúl González Tuñón

Buenos Aires 29 3 1905 – Buenos Aires 14 8 1974

 

 


Poi ancora la luna scese nei cortili.  Era tutto meglio? Non lo so. Era diverso.

tumblr_mvra7bS6DR1qc9muxo1_500

 

[….] La nostalgia è l’appuntamento azzurro con il passato 
e una forma di sogno. 
Quel flusso nascosto e silenzioso 
che si oppone all’oblio con discrezione. 
È la triste domenica del ricordo 
e il soave desiderio* di quello che  un giorno limpido 
era commovente, accattivante 
di quello che era profondo e bello 
tra tante cose …

Non è solo il passato, 
ha intenzione per il futuro. 
Indovina, aspetta 
quello che domani non rovinerà la vita.

 

 
Raúl González Tuñón

Buenos Aires 29 3 1905 – Buenos Aires 14 8 1974

da “Poesie per il leggìo di una pianola”  1965

traduzione mia

 

*nella versione originale la parola “desiderio” è  saudade, termine di difficile traduzione.  Indica un sentimento struggente per qualcosa o qualcuno che non c’è più, che si è irrimediabilmente perduto. È un legame con il passato che, tuttavia,  si proietta nel presente e nel futuro. Una nostalgia di essere felici ancora o la speranza di esserlo. 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: