Archivi tag: Sotirios Pastakas

….e ci perdona ogni cosa il mese di novembre

tumblr_mwfkr0tyaj1rgj9noo1_500

“In un giorno cosi’ dice “perfino io

avrei scritto poesie: ricco di chiaroscuri

e nell’ ideale temperatura di tredici gradi,

mentre si svolge in tutta la magnificenza

del film in bianco e nero: colore che si addice

perfettamente alle umane passioni. E dunque una poesia,

sobria e definitiva come una radiografia,

per le promesse e i giuramenti

che abbiamo calpestato, per quanti sono partiti da noi,

per quanti non abbiamo permesso che ci avvicinassero.

Per la comprensione, la compassione, i doni

che nessuno ha offerto e nessuno ha ricevuto.

Una poesia per tutti noi indistintamente

che camminiamo orfani e superbi,

ognuno avvolto nel suo trasparente mito,

un giorno come questo,  e ci perdona ogni cosa

il mese di novembre!’

 

Sotirios Pastakas,  Larissa (Tessaglia) 1954

“L’apprendimento del respiro”

traduzione di Crescenzio Sangiglio


Buio di Chaidari

tumblr_mwmfee7maa1rql9k6o1_1280

 

Ricco fogliame, pochissime luci,
giardini ben tenuti e cortili segreti:
le buganvillee, le rose…
…ai due che appoggiano
la motoretta sul muro e si scambiano
baci nel buio ogni cosa appare
vietata, e piu’ di tutto l’ amore.

 

Sotirios Pastakas,  Larissa (Tessaglia) 1954

da “L’apprendimento del respiro”

traduzione di Crescenzio Sangiglio

 


In un giorno cosi’ perfino io avrei scritto poesie…..

 

tumblr_mwfkr0tYaJ1rgj9noo1_500

 

 

“In un giorno cosi’ dice “perfino io

avrei scritto poesie: ricco di chiaroscuri

e nell’ ideale temperatura di tredici gradi,

mentre si svolge in tutta la magnificenza

del film in bianco e nero: colore che si addice

perfettamente alle umane passioni. E dunque una poesia,

sobria e definitiva come una radiografia,

per le promesse e i giuramenti

che abbiamo calpestato, per quanti sono partiti da noi,

per quanti non abbiamo permesso che ci avvicinassero.

Per la comprensione, la compassione, i doni

che nessuno ha offerto e nessuno ha ricevuto.

Una poesia per tutti noi indistintamente

che camminiamo orfani e superbi,

ognuno avvolto nel suo trasparente mito,

un giorno come questo,  e ci perdona ogni cosa

il mese di novembre!’

 

Sotirios Pastakas,  Larissa (Tessaglia) 1954

“L’apprendimento del respiro”

traduzione di Crescenzio Sangiglio

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: