Archivi tag: stagioni

La speranza

tumblr_nbsrc576481spq83no1_500


Non a causa della vita,
bensì dell’aumento di leggende,
di canzoni e miti
di cui ho avuto bisogno per vivere,
ho imparato che l’inverno con le sue piogge metalliche
non sfocia mai
negli hotel della primavera,
solo nel fiore dell’autunno
di una passione completa.
Ma l’inverno ha segreti da conservare.
Mentre la nebbia della strada cancella
i limiti del mondo,
ci sono luci che si avvicinano dal retrovisore
come un ricordo
e mi sorpassano veloci
in cerca del futuro.
Non so,
semplice questione casuale
o forse ricompensa.
Ma nuovamente lì
la presagìta
luce d’aprile sulle campagne.

Luis García Montero, Granada 1958


Sentiti d’accordo in tempo con tutto quello che perisce……

tumblr_n0uuz7DdPu1rb35d6o1_500

Sentiti d’accordo in tempo con tutto quello che perisce
e lascia che il cuore raccolga tutta la sua nostalgia
che è molto grande e non si contiene in nessuna tomba.
Fai di questa nostalgia la canzone del cuore.
Sentiti d’accordo in tempo con il ruscello che si irrigidisce
e raggricchiato gela sotto il ponte.
Una volta era il nastro più bello nei capelli dei campi dell’estate.
Una volta correva selvatico in un argenteo serpeggiare attraverso una foresta.
Era una primavera.
Una ragazza tornava a casa con un cesto di spugnole.
Era bella.
Era primavera.
Sentiti d’accordo in tempo
con quello che è degno di essere rimpianto
con tutto quello che si è messo in cammino attraverso l’estate per morire.
Sentiti d’accordo in tempo d’autunno con la foglia gialla
che incerta lascia il suo ramoscello
un giorno quando l’estate abdica nel vento
e l’albero depone la sua corona
sul guanciale di muschio che dovrà sopravvivere.

Harry Martinson
Blekinge, Svezia 6 5 1904 – Stoccolma 11 2 1978
dalla raccolta “Cicala”


Poi più avanti vedremo….

1150400_200762790085313_1371364883_n
Tra Cirella e Diamante, estate 2013 (foto di Raffaella)

Poi più avanti vedremo.
Pensa se non avessi fatto in tempo
anche quest’estate
a vedere di nuovo la luce sfolgorante
ad avvertire il tocco del sole sul mio corpo
a respirare gli odori freschi o guasti
a gustare sapori pepati e dolceamari
a sentire le cicale fino al profondo della notte
a comprendere i miei cari che amo
a non spazientirmi con chi mi sostiene
a pensare anche a chi ho voluto dimenticare
a trovare amici che vengono da lontano
a lasciar entrare anche altre vite nella mia
a nuotare nel mare caldo
a osservare corpi freschi nudi
a rievocare amori, a sognarne di nuovi
a percepire il cambiamento delle cose.[….]

Titos Patrikios (Atene 1928)


…e non dare ascolto ai poeti…

Come i poeti     di Annamaria Bianco

E adesso apri gli occhi.
Non spalancarli. Piano:
socchiuderli basterà.
 
Ti basterà, vedrai, per
scoprire che nel mondo
c’è troppa meraviglia
per non vivere una vita.
 
Vedi? E’ già primavera.
E tu stringi in mano
frammenti di esistenza.
 
Hai l’universo, dentro.
Credi a me, è abbastanza.
Abbastanza perché tu
possa sorridere anche
così ed ora.
 
E non dare ascolto ai poeti,
quando dicono

che solo nei sogni
gli
uomini sono liberi:
mentono.
 
Lo fanno sempre,
da sempre
.

dal sito http://www.vicoacitillo.it/


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: