Archivi tag: titos patrìkios

Poi più avanti vedremo….

1150400_200762790085313_1371364883_n
Tra Cirella e Diamante, estate 2013 (foto di Raffaella)

Poi più avanti vedremo.
Pensa se non avessi fatto in tempo
anche quest’estate
a vedere di nuovo la luce sfolgorante
ad avvertire il tocco del sole sul mio corpo
a respirare gli odori freschi o guasti
a gustare sapori pepati e dolceamari
a sentire le cicale fino al profondo della notte
a comprendere i miei cari che amo
a non spazientirmi con chi mi sostiene
a pensare anche a chi ho voluto dimenticare
a trovare amici che vengono da lontano
a lasciar entrare anche altre vite nella mia
a nuotare nel mare caldo
a osservare corpi freschi nudi
a rievocare amori, a sognarne di nuovi
a percepire il cambiamento delle cose.[….]

Titos Patrikios (Atene 1928)

Annunci

Il “mio” istante

Gli anni poi passeranno
masse di monti e pietra si frapporranno
tutto sarà dimenticato
come si dimentica il cibo quotidiano
che ci tiene in piedi.
Tutto, tranne quell’istante
in cui sul metrò affollato
ti aggrappasti al mio braccio.

da “Nuove poesie d’amore”
Titos Patrikios. (Atene 1928)

081810rohmer718


…………………….
Tutto, tranne quell’istante
in cui con le dita spostati
dai miei occhi una ciocca di capelli.

Iraida (Annamaria)


Anni sprecati?

Oggi leggevo questi versi e,  guardandomi indietro, mi chiedevo quali anni della mia vita potevo ritenere sicuramente “sprecati” . Sì, tempo perduto che avrei potuto impiegare proficuamente, se avessi avuto un pò più di coraggio a fare una scelta piuttosto che un’altra,  a tacere o parlare a seconda della convenienza, a chiudere o aprire una porta, indovinandone il momento… Certo qualche errore si poteva evitare ma, nonostante mi sforzi, non penso  sia possibile  definire “sprecato” ogni tempo trascorso.  Ciò che è stato è qui, adesso, nel  presente  che continua a svolgersi anche grazie al passato, nonostante gli errrori commessi. Iraida

Anni sprecati  di Titos Patrìkios

Venti anni perduti(ma cosa significa averli guadagnati?) F.Pessoa

Tutti noi abbiamo alcuni anni sprecati
chi tre, chi sette, chi di più
ma venti sono un bel cerchio
possiamo avvolgerci il passato
senza il panico che viene
con gli anni perduti di una vita intera.
E poi, cosa significa aver guadagnato
vent’anni che si spostano
ogni volta che guardo indietro?
Progressi regolari secondo il progetto
produttività costante, rendimento aumentato
riconoscimento al momento opportuno e onori del caso.
Ebbene, venti futili anni sprecati
che hanno fornito occasioni
per il sogno di una vita piena di possibilità
che mai sono state realizzate,
per il godimento acquisito dall’identificazione
con la persona che non sono mai diventato,
per la gioia e il senso di colpa per l’interminabile
adeguamento degli obiettivi,
per le accettazioni senza riserve,
per gli spaventati rifiuti.
Venti anni sprecati
sono sempre necessari
per un ambizioso presente.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: