Archivi tag: vecchiaia

Ultimamente

tumblr_n1tbyuZPJF1r2qnymo1_500 (2)

 

I giorni vengono 
e vanno
e questo è tutto quello che fanno

come pagine di un romanzo 
che dimentichi 
quando passi al seguente

o quando vai 
in  treno 

guardando fuori dal finestrino 
e ti interessa appena
il paesaggio.

 

Karmelo C. Iribarren, San Sebastián 1959

 

Annunci

Amo il mio corpo

fellow_sufferer_by_suzythebutcher

 

[…]  Amo questo corpo vecchio e la sostanza

della sua miseria clinica.

La dimenticanza

dissolve la materia riflessiva

davanti ai grandi vetri

della menzogna.

Ormai

tutto è risolto.

In me non c’è causa. In me non c’è

più stanchezza e

un’antica distrazione:

passare

dall’inesistenza

all’inesistenza.

È

un sogno.

Un sogno vuoto.

 

Ma succede.

Io amo

tutto quello che ho creduto

vivere in me.

Amai le mani

grandi di mia madre e

quel metallo antico

dei suoi occhi e quella

stanchezza piena di luce

e di freddo.

Disprezzo

l’eternità.

Ho vissuto

e non so perché.

Adesso

devo amare la mia propria morte

e non so morire.

                     Che sbaglio.

 

 

Antonio Gamoneda, Oviedo (Spagna) 30  5  1931

Da “Canzone erronea”

Traduzione di Alberto Pellegatta

 

 


Il mestiere di svegliarsi

tumblr_ok8guptzaj1sr14ndo1_1280

 

Sempre mi sveglio tardi molto tardi

con una enorme pigrizia

di fare la stessa cosa una volta e un’altra.

Lenta mi sveglio

con fonda rabbia

di scordare il sogno

e raccogliere pezzi

di qualcuno che qualcun altro

chiama con nome lontano.

Mi sveglio fragile

propensa al pianto

magnificando insignificanze

per crescere in diminuzioni

sul desiderio di gattonare.

Oscura mi sveglio

con la mente stanca

con paura in mano e nello sguardo

con un desiderio infinito

che giunga presto la notte

e sia una notte eterna.

Mi sveglio vuota

di parola e pensiero

seminata di silenzi e limitazioni

con la pelle asciutta fatta in briciole

e un sorriso di pietra

nel labirinto della mia storia

Sono invecchiata senza apprendere

il mestiere di svegliarmi.

 

Carmen Naranjo,   Cartago  30 1 1928 – San José 4 1 2012

da  “Oficio de oficios” in  “Nell’imminenza del giorno”  antologia di T. Pieragnolo


Balla, donna dai capelli bianchi….

bb

 

Balla, donna dai capelli bianchi,
rallegrati,
infila i fiori nelle tempie e non credere a
chi ti dice che sei invecchiata,
rompi gli specchi, sebbene siano cari, tutti bugiardi,
indossa abiti di fuoco,
grida al mondo: vivo, quindi valgo
nella danza celeste dei pianeti,
tu sei la stella della fortuna.
Balla, donna dai capelli argentei,
Nessun’altra è più bella di te,
quando regali l’acqua viva
allo spuntare del sole, della luna,
quando non ti curi del fosso scavato
dalla lacrima dell’amore, della veglia, del terrore
della morte precoce,
sulla guancia non ancora baciata…
Balla, donna dai capelli stellati,
sulla strada maestra dei mondi magici,
ridendo e piangendo,
sebbene tu non sia più giovane, 
non hai ricchezze, né rango
e dal cielo cadono le azzurre piogge uraniche.

 

Victoria Milescu, Romania 18 12 1952

traduzione di Alexandru Calciu

 


Non ho più vent’anni!

 

tumblr_m54ukguizq1qmkli8o1_500

 

Non ho più vent’anni!
Con questa esclamazione
la mia voce unisce gli spazi tra di loro
come il balzo di una superba pantera!
Non ho più vent’anni!
Mi levo, sempre più sicura di me,
sempre più graziosa,
dalla schiuma delle approssimazioni.
I miei pensieri non sono più appesi
a fili esili come ragnatele.
Ho perduto la sventatezza sterile
e il panico nel contemplare l’infinito.
Non ho più vent’anni!
I miracoli si sono amplificati,
ad ogni istante affronto
il volto invisibile del mondo
fino a quando ghirlande di significato
non illuminano la mia festa!
Con sorriso trionfale
sfido il tempo
e il suo diamante aguzzo
che scolpisce il mio sembiante.

 

Nina Cassian

Galati 27 11 1924 – New York 15 4 2014

da “C’è modo e modo di sparire”

traduzione di Anita Bernacchia e Ottavio Fatica

 


Ma perché….

tumblr_nikok1enrv1rnvslvo1_1280

 

 

Verso la fine poco t’importa se sei sempre te stesso

tutto quello che ha dimorato in te ha diritto di esistere

ti fai sentire con voci altrui

sogni i sogni di altra gente

ti possono sfamare con farinata o lacrime

non ti spetta più nulla

e hai meritato di tutto un po’

le tue colpe sono innumerevoli e ti colma l’amore per la vita

sei un uomo esperto

ma la curiosità non ti ha ancora abbandonato

assorbi fino a star male il calare del crepuscolo sul fiume

l’incisione grigia della città sotto la pioggia

e un cielo svelato all’improvviso

adorato da una ghirlanda di nuvole

non hai mai sentito una calma così

sebbene tu non sia riuscito a dire tutto fino in fondo

e quel che hai fatto sia lontano dalla perfezione

l’unica arte che impari

è l’arte dell’adddio

ma perché dovresti andartene senza rimpianti

il rimpianto è l’unico compenso per quello che hai ricevuto

 

Julia Hartwig

Lublino, Polonia  14 agosto 1921

da “Sotto quest’isola”

a cura di Silvano  De Fanti

 

 


Dolori

 

tumblr_newbq20tok1qlt6o3o1_500

 

Oggi mi sono sentita triste,

ho sofferto tre tipi di paura

accresciuti da un fatto irreversibile:

non sono più giovane.

Ho discusso di politica, di femminismo,

dell’opportunità della riforma penale,

ma alla fine dei discorsi

toglievo dalla tasca il mio pezzetto di specchio

e mi si riempivano gli occhi di lacrime:

non sono più giovane.

Le scienze non mi hanno soccorso,

né ho per definitivo conforto

il rispetto dei giovani.

Ho aperto il Libro Sacro

in cerca di perdono per la mia carne superba

e lì era scritto:

“Fu per fede che anche Sara, nonostante l’età avanzata,

è stata capace di avere una discendenza…”

Se qualcuno mi fissasse, ho insistito ancora,

in un quadro, in una poesia…

e fossero oggetto di bellezza i miei muscoli flosci…

Ma non voglio. Esigo il destino comune delle donne sulle tinozze,

di quelle che mai vedranno i loro nomi stampati e tuttavia

sorreggono i pilastri del mondo, perché anche se vedove degne

non rifiutano il matrimonio, anzi trovano il sesso gradevole,

condizione per la normale gioia di legare un nastro sui capelli

e pulire la casa al mattino.

Una tale speranza imploro a Dio.

 

Adélia Prado

Divinópolis (Brasile) 13 12 1935

traduzione  di Vera Lúcia de Oliveira

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: