Archivi tag: Vincenzo Cardarelli

Un vecchio post per ricordare Vincenzo Cardarelli, nato oggi nel 1887

Comprato nel maggio del 1969, costava 350 lire ed è pieno di note e sottolineature. Allora avevo diciassette anni e chissà cosa mi passava per la mente quando, alla pagina 85,  proprio sotto questa poesia e riferendomi agli ultimi cinque versi,  a matita ho scritto 
“….sapessi il groviglio che ci ho in testa io!!!!”

2015-05-09-19-08-00 (1)

Carattere

Vivo di sogni
e di speranze pazze.
Nella mia libertà come sepolto
vedo passare i giorni
sempre nuovi per me,
sempre diversi.
Giorni ch’io vivo e perdo
come chi si costringe in oscura caverna
a castigar la sua brama di luce.
Poi, per le strade uscendo
sul crepuscolo
lo incalza il disperato desiderio
di rincorrer quell’ora che gli sfugge.
Sempre avrò amore al mondo
e brevi gioie,
e noie e disgrazie
mai mi parranno meno precarie e meno tollerabili
che non c’è nulla di continuo e certo nella mia vita
fuorché il vario inganno della fortuna
e le malìe del tempo.
Non son felice e nemmen cerco d’esserlo.
A me lamenti, queruli rampogne e funzioni soverchie non s’addicono
e nelle pene estreme aridi ho gli occhi.
Mi chiude dello sdegno un dio la bocca.
Il non potere e il non volere insieme
fanno un tale groviglio entro il mio petto
come le radici di una vecchia pianta
che non crolla per impeto di vento
e solo il fulmine potrà schiantare.

 

Vincenzo Cardarelli

Corneto Tarquinia, 1º maggio 1887 – Roma, 18 giugno 1959

 


In un vecchio libro di poesie

2015-05-09 19.08.00

Carattere

Vivo di sogni
e di speranze pazze.
Nella mia libertà come sepolto
vedo passare i giorni
sempre nuovi per me,
sempre diversi.
Giorni ch’io vivo e perdo
come chi si costringe in oscura caverna
a castigar la sua brama di luce.
Poi, per le strade uscendo
sul crepuscolo
lo incalza il disperato desiderio
di rincorrer quell’ora che gli sfugge.
Sempre avrò amore al mondo
e brevi gioie,
e noie e disgrazie
mai mi parranno meno precarie e meno tollerabili
che non c’è nulla di continuo e certo nella mia vita
fuorché il vario inganno della fortuna
e le malìe del tempo.
Non son felice e nemmen cerco d’esserlo.
A me lamenti, queruli rampogne e funzioni soverchie non s’addicono
e nelle pene estreme aridi ho gli occhi.
Mi chiude dello sdegno un dio la bocca.
Il non potere e il non volere insieme
fanno un tale groviglio entro il mio petto
come le radici di una vecchia pianta
che non crolla per impeto di vento
e solo il fulmine potrà schiantare.

Vincenzo Cardarelli

Comprato nel maggio del 1969, costava 350 lire ed è pieno di note e sottolineature. Allora avevo diciassette anni e chissà cosa mi passava per la mente quando, alla pagina 85 e proprio sotto questa poesia, a matita, ho scritto
“….sapessi il groviglio che ci ho in testa io!!!!”


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: