….sull’incerta luna dimorano i sogni, l’inafferrabile, Il tempo che si perde, il possibile o l’impossibile, che è la stessa cosa

tumblr_mjoaiq3brW1qkorhdo1_500
Racconta la storia che in quel passato
tempo in cui accaddero tante cose
reali, immaginarie e dubbie,
un uomo concepì lo smisurato

progetto di cifrare l’universo
in un libro e con impeto infinito
innalzò l’alto e arduo manoscritto
e limò e declamò l’ultimo verso.

Stava per ringraziare la fortuna
quando alzando gli occhi vide un lucido
disco nell’aria e capì, stupito,
di essersi dimenticato della luna.

La storia che ho narrato benché finta,
può ben raffigurare il maleficio
di noi che esercitiamo il mestiere
di trasformare in parole la nostra vita.

Si perde sempre l’essenziale
……………………….

Jorge Louis Borges
dalla raccolta “Il creatore” 1960
trad.Livio Bacchi Wilcock

Il componimento continua. Il poeta dice di non ricordare più se ha scoperto la luna nella realtà o nei libri “più che le lune delle notti, posso ricordare quelle del verso“. E così, rievoca la dragon moon di antiche ballate inglesi, quelle “sanguinanti” del poeta Francisco de Quevedo e dell’Apocalisse. Procede quindi con una serie di richiami letterari che risaltano per l’eleganza delle citazioni: dalla luna della mitologia greca e germanica alla suggestione degli specchi di Pitagora, che ” con il sangue scriveva su uno specchio e gli uomini leggevano il riflesso in quell’altro specchio che è la luna“; dalla poesia del Lunario sentimentale di Leopoldo Lugones alla lezione di Ariosto che “mi insegnò che sull’incerta luna dimorano i sogni, l’inafferrabile, Il tempo che si perde, il possibile e l’impossibile…. Dalla “luna celestiale di ogni giorno” allo splendore della falce d’oro di Hugo e la dark moon di Yeats.
Alla fine si ha l’impressione di essere di fronte ad un mosaico che, nella composizione dei suoi pezzi, ricostruisce una “storia universale” della luna.

Annunci

13 responses to “….sull’incerta luna dimorano i sogni, l’inafferrabile, Il tempo che si perde, il possibile o l’impossibile, che è la stessa cosa

  • poetella

    straordinario post…
    devo andarmi a cercare l’intera poesia, da qualche parte.
    la foto, poi…è meravigliosa!
    Grazie Iralda!

    Mi piace

    • iraida2

      La luna
      Racconta la storia che in quel passato
      tempo in cui accaddero tante cose
      reali, immaginarie e dubbie,
      un uomo concepì lo smisurato

      progetto di cifrare l’universo
      in un libro e con impeto infinito
      innalzò l’alto e arduo manoscritto
      e limò e declamò l’ultimo verso.

      Stava per ringraziare la fortuna
      quando alzando gli occhi vide un lucido
      disco nell’aria e capì, stupito,
      di essersi dimenticato della luna.

      La storia che ho narrato benché finta,
      può ben raffigurare il maleficio
      di noi che esercitiamo il mestiere
      di trasformare in parole la nostra vita.

      Si perde sempre l’essenziale. È una
      legge di ogni parola intorno al nume.
      Non saprà eluderla questo riassunto
      delle mia lunga relazione con la luna.

      Non so dove l’ho vista per la prima volta,
      se nel cielo anteriore della dottrina
      del greco o nella sera che declina
      sopra il patio con il pozzo e il fico.

      Come si sa, questa mutevole vita
      può, fra tante cose, essere molto bella
      e ci fu così qualche sera in cui con lei
      ti abbiamo guardata, oh luna condivisa.

      Più della lune delle notti posso
      ricordare quelle del verso : l’incantata
      Dragon moon che dà orrore alla ballata
      e la luna sanguinate di Quevedo.

      Di un’altra luna di sangue e di scarlatto
      parlò Giovanni nel suo libro di feroci
      prodigi e di giubili atroci;
      ci sono altre più chiare lune d’argento.

      Pitagora con il sangue (narra una
      tradizione) scriveva su uno specchio
      e gli uomini leggevano il riflesso
      in quell’altro specchio che è la luna.

      Di ferro c’è una selva dove dimora
      l’alto lupo la cui strana sorte
      è di abbattere la luna e di darle morte
      quando arrosserà il mare l’ultima aurora.

      (Questo Nord profetico lo sa
      e anche che in quel giorno la nave
      che si fa le unghie dei morti
      infesterà gli aperti mari del mondo)

      Quando a Ginevra o a Zurigo, la fortuna
      volle che anch’io fossi poeta,
      mi imposi, come tutti, il segreto
      obbligo di definire la luna.

      Con una sorta di studiosa pena
      esaurivo modeste variazioni,
      sotto il vivo timore che Lugones
      già avesse usato l’ambra o la sabbia.

      Di lontano avorio, di fumo, di fredda
      neve furono le lune che illuminarono
      versi che di certo non raggiunsero
      l’arduo onore della tipografia.

      Pensavo che il poeta è quell’uomo
      che, come il rosso Adamo del Paradiso,
      impone a ogni cosa il suo preciso
      e vero e non saputo nome.

      Ariosto mi insegnò che sull’incerta
      luna dimorano i sogni, l’inafferrabile,
      il tempo che si perde, il possibile
      o l’impossibile, che è la stessa cosa.

      Dalla Diana triforme Apollodoro
      mi lasciò scorgere l’ombra magica;
      Hugo mi diede una falce che era d’oro,
      e un irlandese, la sua nera luna tragica.

      E, mentre io sondavo quella miniera
      delle lune della mitologia,
      era là, dietro l’angolo della strada,
      la luna celestiale di ogni giorno.

      So che fra tutte le parole, una ce n’è
      per ricordarla o per raffigurarla.
      Il segreto, secondo me, sta nell’usarla
      con umiltà. È la parola luna.

      Non so più maculare la sua pura
      apparizione con un’immagine vana;
      la vedo; indecifrabile e quotidiana
      e al di là della mia letteratura.

      So che la luna o la parola luna
      è una lettera che fu creata
      per la complessa scrittura di quella strana
      cosa che siamo, numerosa e una.

      È uno dei simboli che nell’uomo
      dà il fato o il caso perché in un giorno
      di esaltazione gloriosa o di agonia
      possa scrivere il proprio vero nome.

      Mi piace

  • Laura

    Incantevole il post e la continuazione sui commenti , adoro Jorge Louis Borges ♥ grazie!

    Mi piace

  • Pannonica

    L’ha ribloggato su Come fosse Musicae ha commentato:
    Come si fa a non condividere? 🙂

    Mi piace

  • diogenesenzalanima

    La poesia come maleficio che lascia sempre esclusa, fuori, la luna vera, distraendoci da essa o come alchimia sonora segreta per invocarla con il suo vero autentico nome?

    Mi piace

    • iraida2

      “La lettura [della Poesia] è un atto anarchico”
      Hans M. Enzensberger

      Mi piace

      • diogenesenzalanima

        Sono d’accordo, la poesia è linguaggio allo stato anarchico, primordiale. Tuttavia è interessante il fatto che l’intera poesia si muove tra la consapevolezza del fatto che perfino la poesia è linguaggio, perciò finzione, convenzione, filtro, interpretazione soggettiva, interpolazione della cosa in sè, della semplice cosa – e dall’altra evocazione del valore conoscitivo, magico della poesia – un viaggio verso i veri nomi delle cose e la sostanza indecifrabile del reale.

        Mi piace

  • asfodelo50

    La Luna
    (A Maria Kodama)

    C’è tanta solitudine in quell’oro.
    La luna delle notti non è la luna
    che vide il primo Adamo. I lunghi secoli
    della veglia umana l’hanno colmata
    di antico pianto. Guardala. È il tuo specchio.

    Grazie! Buon fine settimana! Ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: